Questo sito contribuisce alla audience di

I 3 migliori condizionatori senza unità esterna del 2024

Condizionatori senza unità esterna in salotto
LA NOSTRA SCELTA

Argo Apollo 12 HP

- 40%

Olimpia Splendid 02120

- 40%

Prodotto
LA NOSTRA SCELTA

Argo Apollo 12 HP

Oggi -12%

-12%

Olimpia Splendid 02120

Oggi -11%

-11%

Olimpia Splendid 01503

LA NOSTRA SCELTA

Argo Apollo 12 HP

Oggi -12%

voto
9.0

Potenza di raffreddamento

12000 BTU

Capacità

40 kg

Livello rumore

29 dB 

Tensione

220 Volt (CC)

Dimensioni

96 x 61 x 20 cm

Sorgente di alimentazione

R32

Olimpia Splendid 02120

Oggi -11%

voto
8.0

Potenza di raffreddamento

8188,8 BTU

Capacità

50 kg

Livello rumore

58 dB 

Tensione

230 Volt (CC)

Dimensioni

90,2 x 50,6 x 22,9 cm

Sorgente di alimentazione

R410A

Olimpia Splendid 01503

voto
8.5

Potenza di raffreddamento

7000 BTU

Capacità

37 Kg

Livello rumore

53 dB

Tensione

230 Volt (CC)

Dimensioni

97,8 x 49,1 x 16,4 cm

Sorgente di alimentazione

R410A

Punteggio

VOTO
9.0
VOTO
8.0
VOTO
8.5
Dati tecnici

Potenza di raffreddamento

Potenza di raffreddamento

12000 BTU
8188,8 BTU
7000 BTU

Capacità

Capacità

40 kg
50 kg
37 Kg

Livello rumore

Livello rumore

29 dB 
58 dB 
53 dB

Tensione

Tensione

220 Volt (CC)
230 Volt (CC)
230 Volt (CC)

Dimensioni

Dimensioni

96 x 61 x 20 cm
90,2 x 50,6 x 22,9 cm
97,8 x 49,1 x 16,4 cm

Sorgente di alimentazione

Sorgente di alimentazione

R32
R410A
R410A
Estati sempre più calde rendono il condizionatore un elettrodomestico indispensabile. Per questo ti aiuteremo nella scelta del migliore condizionatore senza unità esterna.

Non bisogna sottovalutare l’importanza di avere un buon condizionatore senza unità esterna in casa: del resto, è fondamentale poter rendere le stanze della propria abitazione il più gradevoli possibili dal punto di vista climatico, rinfrescando gli ambienti ogni volta che se ne palesa la necessità o, in certi casi, riscaldandoli. Ma perché, in generale, viene consigliato di procurarsi un condizionatore senza unità esterna, a discapito di quelli fissi?

Questo tipo di elettrodomestico è particolarmente comodo perché può essere installato in pochi step e soprattutto non richiede di modificare la facciata della propria stanza come invece sarebbe necessario nel caso di un condizionatore fisso: inoltre, occupano uno spazio ridotto e sono generalmente molto veloci nel rinfrescare l’ambiente e nel garantire una permanenza piacevole al loro interno. La versatilità di questo tipo di condizionatori è allo stesso tempo croce e delizia per chi desidera munirsene: da un lato, l’amplissimo catalogo ti garantisce la certezza di trovare l’elettrodomestico che fa per te in quanto a dimensioni, potenza, velocità, consumo e quant’altro; dall’altro, la grande disponibilità di modelli può essere un “problema”. Qual è il miglior condizionatore senza unità esterna quindi? E come capire il modello ideale per tutte le nostre esigenze e che soddisfi al meglio il rapporto qualità-prezzo?


Se anche tu stai cercando il condizionatore senza unità esterna ideale, allora ti trovi nel posto giusto: in questa breve ma esaustiva guida che abbiamo preparato troverai tutto ciò che devi sapere su questo tipo di prodotti, dal loro funzionamento alle piccole particolarità che ti faranno capire di aver trovato ciò che fa al caso tuo. Non da ultimo, ti suggeriremo tre prodotti tra i migliori sul mercato.


In questo articolo
  • Come scegliere il condizionatore senza unità esterna
  • Argo Apollo 12 HP
  • Olimpia Splendid 02120
  • Olimpia Splendid 01503
  • Quanto consuma un condizionatore senza unità esterna?
  • Qual è il periodo migliore per comprare un condizionatore?

Come scegliere il condizionatore senza unità esterna

Prima di vedere nel dettaglio i diversi prodotti è fondamentale rispondere ad una domanda ben precisa: come si sceglie il condizionatore senza unità esterna migliore? Come già indicato, infatti, il catalogo è davvero vasto e per garantire a te stesso e ai tuoi ospiti un ambiente quanto più ospitale possibile dovrai essere a conoscenza dei diversi parametri e capire cosa guardare in un condizionatore. Per cominciare, le dimensioni: questo prodotto, facile da montare, permette di superare in maniera agevole i limiti strutturali della casa, a patto ovviamente che non sia troppo ingombrante per la porzione di muro che avete individuato o troppo piccolo per coprire al meglio tutta l’area della stanza. 

 

Un altro parametro da tenere d’occhio è quello dell’efficienza energetica: quella dei condizionatori di questo tipo, infatti, è inferiore rispetto ai modelli fissi, per cui cerca di identificarne uno che sia particolarmente vincente in questo frangente. E poi c’è il rumore: fai ben attenzione a munirti di un prodotto che non emetta suoni eccessivi, o potrebbe regalarti un’esperienza poco piacevole nella tua casa. Potenza e rumorosità, quindi, sono due elementi che non possono essere trascurati in fase d’acquisto. Un parametro che non in molti potrebbero conoscere è quello della BTU, sigla che sta per British Thermal Unit: calcolata sull’ora, quantifica il calore sottratto o aggiunto all’ambiente in sessanta minuti. La quantità di BTU necessaria per garantirti un ottimo servizio è commisurata alle dimensioni dell’ambiente in cui il condizionatore viene inserito: ma quanti BTU per metro quadro servono? In generale, si parte da 5-6000 BTU per ogni 15-18 m², andando poi a salire.


Da ultimo, ma non certo per importanza, c’è il prezzo: come sempre, ci vuole un occhio attento per individuare i prodotti che ci permettano di spendere in maniera intelligente garantendoci un alleato funzionale, duraturo e adatto alla nostra casa.

I migliori condizionatori senza unità esterna da comprare

Comprese le caratteristiche di un condizionatore senza unità esterna a cui fare attenzione in fase d’acquisto, è il momento di scoprire alcuni dei migliori prodotti che è possibile acquistare sul mercato. Abbiamo selezionato tre condizionatori che saranno in grado di soddisfare le diverse esigenze di ognuno, puntando sull’analizzare la loro compatibilità estetica e funzionale con i diversi ambienti, il consumo energetico, l’efficienza e le funzioni particolari che potranno aiutarvi nel rendere le vostre stanze il più confortevoli possibile.

Argo Apollo 12 HP

L’ARGO APOLLO 12 HP è un condizionatore di alto livello che si fa notare soprattutto per l’eccezionale potenza di raffreddamento che è in grado di offrire, vale a dire 12000 Unità termiche britanniche. In sostanza, parliamo di un dispositivo 4 in 1, in grado di raffrescare, deumidificare, riscaldare e ventilare gli ambienti in poco tempo e con grande efficacia. Inoltre, questo dispositivo è particolarmente smart, essendo dotato di Wi-Fi integrato: un aspetto che ti permetterà di controllarlo da remoto attraverso lo smartphone o il tablet. 

 

Gli aspetti che colpiscono dell’ARGO APOLLO 12 HP sono molti, ma bisogna senz’altro sottolineare la sua tecnologia DC inverter, che regala all’utente un’esperienza di massimo comfort in qualsiasi stagione ma mantenendo i costi contenuti. In aggiunta, questo prodotto è green, poiché utilizza un refrigerante ad alta efficienza e a basso impatto sul riscaldamento globale, e vince anche nel rapporto qualità-prezzo rispetto a molti altri prodotti presenti sul mercato.

 

Al netto dei soli 29 dB segnalati da produttore e rivenditore, in molti hanno segnalato un livello di rumorosità più alto del previsto; sebbene per molti non sia un problema così invadente, è comunque da sottolineare in quanto può costituire un problema soprattutto se sei abituato a far lavorare il condizionatore durante la notte, magari nella tua camera. Può capitare, inoltre, che il prodotto cali nelle performance in tempi non eccessivamente lunghi, ma è possibile farlo riparare per ripristinarne il funzionamento ottimale. 


E' un ottimo prodotto per chi ha bisogno di un condizionatore senza unità esterna che sia efficiente e soprattutto dalle dimensioni compatte: grazie al suo spessore di soli 20 cm, infatti, potrai posizionarlo anche all’interno di uno spazio limitato ed evitare di dover cambiare per qualsiasi motivo la struttura della tua stanza. Inoltre, è installabile con facilità grazie alle speciali griglie fornite, richiedendo solo due fori nel muro per lo scambio di aria con l’esterno.


Dati tecnici
  • Potenza di raffreddamento: 12000 BTU
  • Capacità: 40 chilogrammi
  • Livello rumore: 29 dB 
  • Tensione: 220 Volt (CC)
  • Dimensioni del prodotto: 96 x 61 x 20 cm
  • Sorgente di alimentazione: R32

Perchè comprarlo
  • Compatto
  • Costi contenuti
  • Controllo da remoto

Olimpia Splendid 02120

Se vuoi dotarti di un climatizzatore senza unità esterna innovativo e versatile, allora l’Olimpia Splendid 02120 (denominato Unico Art 12 HP CVA) è il prodotto che fa per te: 2.6 Kw di potenza per quanto riguarda il raffreddamento e 2.4 Kw per il riscaldamento, oltre al motore Inverter per regolare la velocità in base alla temperatura, in modo da rendere i costi contenuti e sostenibili. Ma non è tutto: questo prodotto è in grado deumidificare in maniera molto più efficace della “concorrenza” e, grazie al suo design dal gusto vintage, vanta un’estetica in grado di accostarsi morbidamente a tutti gli ambienti. Al netto della funzionalità, infatti, è fondamentale ricordarsi che anche l’occhio vuole la sua porta ed è importante dotarsi di elettrodomestici che possano garantire armonia ed equilibrio. 

 

Tra gli elementi che ci hanno colpito dell’Olimpia Splendid 02120 c’è l’utilizzo di gas rigenerato: l’R410A è un refrigerante recuperato da impianti esistenti e garantisce così una circolarità delle risorse che va ad impattare il meno possibile sull’ambiente e sulle materie prime. Il condizionatore è dotato inoltre di un avanzato sistema di multi-filtraggio, che permette di combattere i cattivi odori (filtro a carboni attivi) e la polvere (filtro elettrostatico), e di una pompa di calore per potenziare il riscaldamento tradizionale nelle stagioni più fredde.

 

A volte, l’Olimpia Splendid 02120 può registrare dei malfunzionamenti, ad esempio partendo dopo qualche tentativo di accensione o non rispondendo agli input del telecomando. Non specificamente legato al prodotto, ma comunque un aspetto importante da segnalare in fase d’acquisto, è anche l’assistenza del brand, la quale non sembra essere sempre performante e in grado di intervenire in tempi brevi nel caso ci sia qualche problema con il prodotto.  

 

L’Olimpia Splendid 02120 è adatto soprattutto a chi cerca un condizionatore senza unità esterna che sia semplice da montare e possa essere così operativo quanto prima: questo modello, infatti, si installa in pochi minuti grazie ad un manuale dettagliato e molto chiaro, unito ad una struttura di base non complicata. In primis, quindi, l’utente potrà eseguire praticamente da solo tutta l’operazione d’installazione di un prodotto che, a conti fatti, necessita di pochi interventi di manutenzione.


Dati tecnici
  • Potenza di raffreddamento: 8188,8 BTU
  • Capacità: 50 chilogrammi
  • Livello rumore: 58 dB 
  • Tensione: 230 Volt (CC)
  • Dimensioni del prodotto: 90,2 x 50,6 x 22,9 cm
  • Sorgente di alimentazione: R410A

Perchè comprarlo
  • Semplice da montare
  • Combatte cattivi odori
  • Basso impatto sull'ambiente

Olimpia Splendid 01503

Silenzioso e poco ingombrante: queste sono le due caratteristiche che rendono l’Olimpia Splendid 01503 (o UNICO AIR 8) una scelta molto gettonata per chi cerca un condizionatore senza unità esterna. Il primo parametro che salta all’occhio, infatti, sono i 16 cm di spessore, che rendono questo prodotto uno dei più sottili in circolazione; i materiali fonoassorbenti e antivibranti, poi, ti garantiranno un rumore molto basso, con la pressione sonora che può scendere fino a 27 dB. E se vuoi controllare il condizionatore da remoto, è possibile farlo attraverso l’app OLIMPIA SPLENDID UNICO, disponibile sia su Apple Store che su Google Play. 

 

L’Olimpia Splendid 01503 è senz’altro un prodotto comodo, soprattutto per quanto riguarda l’installazione e la sua gestione: per esempio, non è necessario predisporre nulla per lo scarico dell’acqua, in quanto il dispositivo la espelle ciclicamente attraverso un processo di vaporizzazione. Anche la rumorosità è molto ridotta, raggiungendo il minimo quando il condizionatore è in modalità ventilazione e rendendo questo prodotto adatto anche per le camere da letto, ambiente molto delicato e che generalmente desta diverse preoccupazioni in chi acquista un condizionatore senza unità esterna. 


L’aspetto che può essere migliorato in misura più visibile è senz’altro il controllo remoto: l’app predisposta, infatti, non aggiunge molto al canonico telecomando per attivarlo e rende così le operazioni “poco smart”. Anche il telecomando, di solito, non registra un eccessivo gradimento da parte degli utenti: il fatto che non sia del tutto retroilluminato, per esempio, rende difficoltoso il suo utilizzo durante la notte, quando si può fare fatica a vedere alcuni tasti. 

 

E' il prodotto che renderà sicuramente soddisfatti coloro che vogliono un condizionatore senza unità esterna non complicato da montare, con uno spessore ridotto e che non dia eccessivamente fastidio in termini di rumorosità grazie al suo Silent System, soprattutto per quanto riguarda la media dei prodotti che si possono trovare nell’ampio mercato di questi elettrodomestici. 


Dati tecnici
  • Potenza di raffreddamento: 7000 BTU
  • Capacità: 37 chilogrammi
  • Livello rumore: 53 dB
  • Tensione: 230 Volt (CC)
  • Dimensioni del prodotto: 97,8 x 49,1 x 16,4 cm
  • Sorgente di alimentazione: R410A

Perchè comprarlo
  • Silenzioso
  • Facile da montare
  • Niente scarico dell'acqua

Come viene installato un condizionatore senza unità esterna?

Uno degli aspetti più interessanti dei condizionatori senza unità esterna è quello della relativa facilità di installazione. Innanzitutto, come si evince dal nome, questo genere di prodotti non ha bisogno di integrare l’unità secondaria che contiene il motore e che solitamente viene montata all’esterno dell’abitazione (per esempio, sul balcone o sotto le finestre). Come viene sostituita questa parte? Saranno i fori praticati sulla parete a permettere la fase di ripresa dell’aria, attraverso apposite bocchette che comunicano con l’esterno. Questo tipo di operazione offre diversi vantaggi: i rumori all’esterno sono limitati, non rendono necessarie modifiche alle facciate degli edifici e riducono il numero di interventi necessari al mantenimento dei condizionatori, facendoti così risparmiare tempo e soldi. 


Anche l’installazione in sé è un’operazione piuttosto semplice, o comunque fattibile nel proprio privato (chiaramente, rivolgersi ad un esperto non è mai una scelta errata). Il primo step è eseguire i due forti che sostengono lo split all’interno della stanza in cui intendi posizionare il condizionatore: fai attenzione, perché dovrai scegliere una parete che comunica con l’esterno, in modo da garantire il ricircolo dell’aria, la sua fuoriuscita e la ripresa. Inoltre, scegliendo il luogo corretto eviterete di installare sistemi di canalizzazione che porterebbero a un inevitabilmente innalzamento dei costi. Dopo aver installato le bocchette, dovrete passare alle due fasi successive, ossia l’allacciamento del condizionatore alla rete elettrica e l’installazione del tubo di scarico della condensa parallelo ai tubi dell’impianto.

Quanto consuma un condizionatore senza unità esterna?

Il consumo energetico è uno dei fattori di maggiore preoccupazione per coloro che si muniscono di un condizionatore senza unità esterna: anche se questo discorso può essere esteso a qualsiasi elettrodomestico, infatti, i condizionatori vengono generalmente attivati per un lungo periodo di tempo e, soprattutto nelle stagioni estreme, anche diverse volte al giorno. Per aiutare i consumatori e stabilire in maniera univoca un parametro di facile comprensione, questi elettrodomestici sono dotati di etichettatura energetica: le classi sono 7 e vanno da A+++ a D, e possono variare a seconda dell’area climatica di riferimento sul suolo europeo. 

 

Ma ci sono altri dettagli a cui fare molta attenzione in tema di consumi: si tratta di kWh/anno, ossia la stima dei kWh che vengono consumati durante l’anno e calcolata su un utilizzo generico del condizionatore, e kW, cioè la potenza nominale del condizionatore. Inoltre, ci sono due sigle che potremmo definire complementari, vale a dire SEER, ossia l’indice di efficienza energetica stagionale in modalità di raffreddamento, e SCOP, che rappresenta il coefficiente di prestazione stagionale in modalità di riscaldamento. Presta particolare attenzione a questi ultimi due parametri, poiché tanto più questi valori saranno alti, quanto più il condizionatore su cui vuoi mettere le mani risulterà efficiente. 


Calcolare l’esatto modo in cui questo tipo di prodotto impatterà sulla tua bolletta, quindi, è piuttosto difficile poiché dipende da una serie di fattori molto variabili: non basta, di fatto, leggere consumi e classe di efficienza energetica, ma bisogna considerare anche il tempo per cui lo terrai acceso, la grandezza dell’ambiente da scaldare o da rinfrescare, le caratteristiche specifiche del modello, la frequenza con cui lo utilizzerai e molto altro.

Che differenza c'è tra climatizzatori e condizionatori?

Nel linguaggio comune, condizionatore e climatizzatore vengono spesso (ed in maniera errata) usati come sinonimi, e questo dà origine a una serie di fraintendimenti che è meglio acclarare, soprattutto nella delicata e complessa fase d’acquisto. Partiamo dal climatizzatore: questo permette di regolare la temperatura dell’ambiente andando a rinfrescare l’aria o a riscaldarla; nel primo caso, assorbe l’aria calda grazie ad un ventilatore, la raffredda e la riemette nell’ambiente, purificandola da cattivi odori e da elementi nocivi attraverso i suoi performanti filtri. Nei mesi invernali, invece, grazie alla presenza della pompa di calore emette aria calda che rende la stanza in cui è posizionato più confortevole. Inoltre, si può impostare manualmente la temperatura desiderata, garantendosi così l’ambiente ideale al proprio rientro in casa.


Il condizionatore lavora in maniera più semplice rispetto alla tecnologia di climatizzazione, anche se è similmente efficace: regolando la velocità si va a lavorare sulla temperatura della stanza, sul livello di circolazione dell’aria e sull’umidità, ma non in maniera automatizzata e smart come accade quando si utilizza il climatizzatore. In sostanza, a seconda del modello che si prende come riferimento il risultato può essere piuttosto simile nonostante il processo presenti delle importanti differenze.

Dove scarica l'acqua il condizionatore senza unità esterna?

Come già anticipato, il condizionatore senza unità esterna basa il proprio funzionamento sullo scarico dell’acqua di condensa: se ti stai chiedendo dove va a finire, sappi che questa viene solitamente riversata in un apposito vano interno o in una vaschetta. Fai attenzione, perché dovrai intervenire in prima persona per svuotare questo spazio e consentire così al tuo elettrodomestico di lavorare al meglio: alcuni modelli sono dotati di un’apposita funzione che ti segnala quando è il momento di svuotare il vano dove è stata raccolta l’acqua di condensa, ma non è tutto. Compatibilmente con il modello che vorrai acquistare, è possibile trovare in commercio alcuni adattatori che permettono di rivolgere il tubo di scarico verso l’esterno, senza che sia necessario aprire la porta o la finestra vicino al tuo condizionatore.

Qual è il periodo migliore per comprare un condizionatore?

Come tutti gli elettrodomestici, anche i condizionatori hanno un periodo di massimo consumo e, di conseguenza, in cui i prezzi schizzano alle stelle. Del resto, la legge del mercato è piuttosto chiara: nel momento in cui tutti si precipitano ad acquistare un certo tipo di prodotto e quindi la domanda sale, il prezzo medio si adegua. Per questo non dovresti acquistare un condizionatore senza unità esterna alle soglie dell’estate o a primavera inoltrata, in quanto solitamente proprio in queste settimane cruciali in molti si rendono conto di aver bisogno di uno strumento per regolare la temperatura delle proprie stanze. Questo vale soprattutto negli ultimi anni, con la stagione estiva che si è fatta progressivamente più torrida. 


Giocate d’anticipo, cioè acquista un condizionatore nel periodo che intercorre tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. In questo modo potrai massimizzare i vantaggi che derivano dall’anticipare la maggior parte degli acquirenti: in particolare troverai prezzi più bassi, un catalogo più ampio tra cui scegliere e nel quale trovare così il condizionatore che fa per te e una maggior reperibilità da parte del personale specializzato nel caso in cui ti servisse un installatore o un tecnico per aiutarti nella manutenzione del prodotto.


I 3 migliori condizionatori senza unità esterna del 2024
OFFERTE ESCLUSIVE
Sconti fino all' 80%

Ogni giorno facciamo una selezione delle migliori offerte online facendoti risparmiare tempo e denaro


Ti può interessare anche

Copyright © Konverty S.r.l. Tutti i diritti riservati