Insufficienza renale del gatto: come accorgersene e cosa fare

insufficienza renale gatto

I reni sono uno dei punti deboli del gatto e purtroppo l’insufficienza renale è più comune di quanto si pensi. Ecco cosa si può fare per aiutare il nostro micio.

Il gatto, per chiunque ne possieda uno, è un vero e proprio membro della famiglia e, quando sta male, soffriamo anche noi.
I reni sono il punto debole del gatto e l’insufficienza renale è una delle patologie più comuni che colpisce i nostri amici pelosi. Se non trattata, può essere anche fatale, ma se viene diagnosticata in tempo e trattata con un’alimentazione mirata permette al gatto di vivere per diversi anni con una buona qualità di vita.
Ecco come accorgersi in tempo di questo disturbo e cosa fare.


Quali sono i sintomi dell’insufficienza renale nel gatto?

Purtroppo i segni clinici dell’insufficienza renale sono difficili da individuare e insorgono in maniera insidiosa, rendendo difficile ai proprietari accorgersene tempestivamente. Non è un caso che questa patologia venga definita anche killer silenzioso.
L’ideale è quindi eseguire esami di routine nei gatti adulti e specialmente nei gatti anziani (sopra gli 8 anni), in modo da individuare precocemente la malattia.
Ecco invece alcuni sintomi che dovrebbero metterci in allarme perché tipici dell’insufficienza renale nel gatto.

  • Aumento marcato della sete.
  • Calo dell’appetito e perdita di peso, anche repentina.
  • Comportamento apatico, letargico e stanco.
  • Aumento della produzione di urine.

Questi sono tutti sintomi che possono comparire anche diversi anni prima dell’insufficienza renale vera e propria, quindi è importante porvi molta attenzione. Se la ciotola dell’acqua si svuota rapidamente o se noti un comportamento atipico nei confronti del cibo, meglio approfondire e parlarne con il veterinario.

Alimentazione del gatto con insufficienza renale

Nel caso in cui al tuo gatto venga diagnosticata insufficienza renale, attraverso esami del sangue ed ecografia dell’addome, sappi che l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale. Ovviamente dipende dallo stadio della malattia, ma in ogni caso una dieta ad hoc può allungare notevolmente l’aspettativa di vita del gatto, che continuerà a condurre una vita normale ancora per molti anni.

Tutti i prodotti presenti in questo articolo sono stati selezionati dalla redazione in modo accurato: nella scelta valutiamo la qualità del prodotto, il prezzo e le recensioni dei clienti.
Ci affidiamo solo a venditori autorizzati premium che effettuano la spedizione gratuita.
Gli acquisti sono coperti dalla Garanzia cliente eBay, che ti assicura un rimborso veloce in caso di reso del prodotto. Ti ricordiamo infine che acquistare su eBay è semplice e puoi farlo senza registrarti al sito.

Cibo secco e umido

La prima cosa da fare è quindi adottare un regime alimentare adeguato alle esigenze del gatto. Fortunatamente oggi ci sono tanti marchi di alimenti per animali che producono cibi ad hoc per mici con problemi renali quindi puoi fare qualche prova e capire quale è il più gradito al tuo gatto.
Meglio evitare invece l’alimentazione casalinga, a meno che non venga scrupolosamente seguita la dieta fornita da un veterinario esperto in nutrizione.

Mangime complementare

I mangimi complementari sono studiati appositamente per essere molto appetibili (e quindi graditi anche ai gatti che hanno perso l’appetito) e per rallentare e tenere sotto controllo la malattia, in questo caso l’insufficienza renale. Grazie ad una formulazione specifica, consentono di sopperire ad alcune carenze che il micio potrebbe sviluppare come conseguenza della patologia.
Esistono mangimi complementari di diversa consistenza, per adeguarsi alle esigenze del gatto).
Il termine “complementare” si riferisce al fatto che non possono rappresentare l’alimentazione esclusiva del gatto.

Integratori

In caso di insufficienza renale, ci sono alcune vitamine e sostanze che possono rappresentare un valido aiuto e supporto per il micio. Per esempio tutte le vitamine del gruppo B, che il gatto perde in eccesso a causa dell’abbondante produzione di urina, oppure le vitamine C ed E, che hanno effetti antiossidanti e aiutano a mantenere in salute l’apparato urinario.
Esistono quindi degli appositi integratori che forniscono queste sostanze. Esistono in polvere oppure in pastiglie, per facilitare la somministrazione.

Potresti leggere:
Igiene del gatto, come prendersene cura

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.