Dal relax in casa allo sport, tutti pazzi per la tuta

ragazza in tuta

Con cappuccio o zip centrale, pantaloni con elastici alle caviglie o leggings, la tuta è uno dei capi più indossati anche per il tempo libero

Mai fidarsi di quelli che vanno in giro in tuta. Lo pensava ed affermava Charles Bukowski, che certo ai giorni nostri si sarebbe trovato estremamente diffidente. In cotone o in tessuti tecnici e traspiranti, i completi da sport, se indossati al di fuori di palestre o luoghi di allenamento e attività fisica, erano un simbolo di sciatteria. Prima, chiaramente, che diventassero una moda imperante grazie ad almeno due fattori: l’estrema comodità e le proposte sempre più allettanti, al punto da sembrare un peccato riservare alcuni di questi capi d’abbigliamento alla sola sfera della ginnastica.

Al pari delle sneakers, anche la tuta è diventata un must del tempo libero o dell’homewear, ancor di più in un anno dove la casa si è trasformata in luogo di sport. I modelli possono rispondere a tutte le esigenze, con pezzo di sopra e sotto a volte venduti insieme, felpa con zip e pantaloni aderenti oppure stretti alle caviglie e larghi sulle gambe. Se il comfort è importante, lo sono anche i colori, soprattutto perché nel mondo del fitness, alla costante ricerca di motivazione, sono concessi i fluo e gli accostamenti vivaci. Per l’inverno, gli shorts lasciano spazio a tessuti caldi come il pile.

 

La felpa: Nike

 

Con o senza cappuccio? È il dilemma che divide gli amanti delle felpe. Sebbene la prima alternativa sia molto in voga, anche le girocollo semplici possono dare grandi soddisfazioni, soprattutto se così facilmente abbinabili ad un jeans e spendibili per le uscite come le Nike. La felpa selezionata colpisce per le tonalità rosa, azzurro e bianco combinate in un mix vincente e con l’immancabile baffo della vittoria al centro, logo del marchio americano. È dotata di fasce elastiche su vita e polsini.

Pro e contro

Pro: fa pensare ad una caramella

Contro: può sembrare bambinesca

 

I pantaloni: adidas

 

Una volta si chiamavano fuseaux ma, pur preferendo un più attuale leggings il concetto non cambia. Per alcune attività motorie o per semplice agio, i pantaloni aderenti, seconda pelle, sono spesso privilegiati ai più ingrombranti, che potrebbero ostacolare il movimento. Gli adidas esistono in nero, celeste chiaro e rosso ed il modello consigliato si fa notare grazie al simbolo del brand impresso sulle due gambe. Una fascia alta in vita, contenitiva ed elasticizzata, rende ancora più agile l’esercizio fisico.

Pro e contro

Pro: tessuto traspirante

Contro: prettamente da sport

 

La tuta effetto velluto: Akalnny

 

Una carezza che ne fa quasi un pigiama. Le tute dall’effetto velvet, in ciniglia o vero velluto, trasmettono morbidezza perfino all’osservatore, che ha istintivamente voglia di accarezzarne la stoffa. La tuta acquistabile con un unico ordine su Amazon lascia l’imbarazzo della scelta quanto a colori: dal bordeaux all’albicocca e due nuances di rosa o altrettante di blu, poi ancora in rosso, verde, viola, grigio, marrone e nero. La felpa si chiude con cerniera centrale ed ha un piccolo scollo a V.

Pro e contro

Pro: calda, chic e comoda

Contro: meglio per il relax che per l’allenamento

 

Altri suggerimenti:

Ultimo aggiornamento il 20 Giugno 2021 5:45

 

Leggi anche:

Dal pull alle pantofole, dieci idee per un look da casa riuscito

Sportswear donna, come essere comode ma chic

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.