Arredamento: 5 tendenze da tenere d’occhio per il 2021

tendenze design 2021

Con l’anno nuovo l’interior design si rinnova: ecco cinque stili da prendere seriamente in considerazione se si vuole rinnovare casa senza stravolgerla

Il 2020 ci ha fatto trascorrere tantissimo tempo a casa, e sotto certi aspetti ci ha permesso di ‘conoscere’ veramente il luogo in cui abitiamo, a volte regalandoci una nuova prospettiva. Soluzioni di arredo che si sono rivelate meno funzionali del previsto, idee decò che, viste ogni giorno, hanno finito per stancare, complementi che, impiegati quotidianamente, si sono rivelati scomodi. Se con l’anno nuovo si ha dunque in programma di rinnovare casa, vale la pena conoscere alcune delle tendenze design 2021. I trend, gli stili, gli elementi che secondo gli esperti del settore saranno i grandi protagonisti degli spazi da vivere. Naturalmente non occorre fare interventi ingenti per dare un tocco di novità o conferire un nuovo carattere ad un ambiente: molto spesso bastano dei piccoli elementi a vestire la casa con un abito nuovo.

Granny-chic

Tutto ciò che ricorda la casa della nonna è tra le tendenze design 2021. Anche nella moda da qualche tempo si parla di ‘grandmillennial‘, uno stile che prende i suoi capi direttamente dal baule della nonna ma li colloca in un mondo contemporaneo (come quello di Instagram, per esempio) dando vita ad una declinazione ben connotata del vintage. Non sono le icone della moda di un tempo a ispirare le giovani donne di oggi, ma le loro nonne. Lo stesso sta accadendo nel mondo dell’interior design, dove sono tornati in auge i centrini per la tavola ricamati all’uncinetto, le stufe economiche, le foto di famiglia incorniciate, i comò e le toelette, i paioli in rame. Cosa non può mancare in una casa granny-chic? Un servizio di piatti o da te con motivi retrò, come questo set in porcellana decorato da disegni di frutta, da lasciare ben in vista in una vetrinetta (vintage) anche quando non è in uso.

Sostenibilità e materiali naturali

Il tema dell’ecologia è più che mai sentito. Qualsiasi brand che voglia stare al passo coi tempi oggi deve produrre oggetti (o almeno una linea) green, perché la bellezza, la funzionalità e la sostenibilità possono tranquillamente andare di pari passo, non ci sono scuse. Ci sono molti modi di arredare o decorare casa in modo da impattare il meno possibile sull’ambiente: riciclando vecchi mobili, scegliendo solo pezzi la cui sostenibilità è certificata, oppure puntando direttamente sui materiali naturali. Tessuti in cotone organico, arredi in legno, finiture in pietra. Questa tendenza, fra l’altro, ne sposa perfettamente un’altra: il 2021 vedrà un sempre maggior utilizzo di materiali come rattan e bambù, che andranno a comporre coffee table, tappeti, strutture letto, appendiabiti e lampadari, come questo paralume a sospensione.

Le piante

Collegandosi perfettamente al trend precedente, le piante saranno grandi protagoniste della casa del 2021. Mai come nel 2020 abbiamo patito la mancanza di spazi verdi, e difatti il giardinaggio casalingo è stata una delle attività più amate dagli italiani durante il lockdown, sottolinea Istat. Qualche interior designer è pronto a scommettere che persino le piante finte (purché ben fatte) diventeranno un elemento comune, perlomeno nelle case dove non c’è molta possibilità di coltivare. Che siano vere o finte, sicuramente le componenti vegetali per essere un elemento d’arredo a tutti gli effetti necessitano di strutture, supporti, ripiani che le elevino. Il porta-piante multipiano è un complemento su cui vale la pena di puntare.

In questo articolo ve ne abbiamo consigliati altri.

Il ferro e il legno

Due materiali in contrasto: uno freddo e uno caldo, uno dal colore compatto e l’altro ricco di venature e nuances, uno dalla texture liscia ed elegante e l’altro rustica. Eppure il connubio tra ferro e legno, specialmente nella loro declinazione più brunita, hanno trovato in questi anni ampio spazio nel mondo dell’arredamento. Forti del mix tra stile industriale e rustico-chic, che evoca ambienti confortevoli e moderni ma allo stesso ‘tradizionali’, riconoscibili, questi due materiali si sposano dando vita a mobili tv, cassettiere, librerie, coffee table, scrivanie, tavoli di grande impatto scenico. Che ritroveremo spesso nell’interior design del 2021. Questo scaffale è perfetto come complemento per la cucina su cui poggiare piccoli elettrodomestici (tostapane, forno microonde, bollitore) più tantissime ‘varie ed eventuali’ grazie ai ripiani e ai ganci di cui è dotato.

La tecnologia

I device tecnologici sono sempre più diffusi in tutte le case. Se fino a qualche anno fa avere i comandi vocali per accendere o spegnere la luce e la televisione, controllare da remoto il riscaldamento, caricare lo smartphone  in modalità wireless, sembrava fantascienza, oggi – anche grazie a prezzi non più proibitivi – è quotidianità. Questa tendenza non è in contrasto con lo stile granny-chic, o con gli elementi naturali: nella casa contemporanea questi elementi si fondono. Un componente tecnologico che non può mancare nella casa del 2021? Il nuovo Echo Dot, l’altoparlante intelligente tramite cui fare la conoscenza di Alexa, la mitica assiste vocale.

Altri suggerimenti:

E per quanto riguarda i colori? Tutte le nuance ‘terrene’, rilassanti, naturali, all’ocra al ruggine, dal legno all’arancio tramonto vestiranno i componenti tessili della casa. Secondo i forecast ci sarà anche una riscoperta del blu, sia quello più ‘marinaro’ che in tonalità indaco. Ma non dimentichiamo che Pantone, la massima autorità in fatto di colore, ha scelto il giallo e il grigio come tonalità dell’anno: ecco come arredare casa con Illuminating Yellow e Ultimate Grey

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.