La Pasqua è più dolce con la pastiera, la ricetta degna di una pasticceria

Pastiera
Courtesy of©fotograv/iStock

La tradizione è servita: ecco la proposta di Grué per realizzare in casa questa delizia tipica del periodo pasquale

Classico e goloso: il menu di Pasqua porta a imbandire la tavola con pietanze e leccornie che fanno gola a ogni palato. Anche se quest’anno i festeggiamenti saranno un po’ in sordina date le restrizioni in vigore, di certo alla dolcezza non si rinuncia. Oltre alle uova di cioccolata e alla colomba, come da tradizione, per rallegrare il pranzo pasquale non può mancare la pastiera, una delizia riconosciuta tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Regione Campania dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali in grado di appagare i sensi con il suo inconfondibile profumo e la ricca farcitura. C’è chi la ordina e chi, invece, preferisce prepararla in casa. Ecco la ricetta proposta da Marta Boccanera e Felice Venanzi della pasticceria capitolina Grué per realizzare con le proprie mani un dolce iconico, fragrante all’esterno e morbido all’interno.

Ingredienti per una pastiera da circa 500 gr:

175 g ricotta (metà pecora/metà mucca)
100 g zucchero
150 g grano cotto
75 ml latte
2 uova
1 tuorlo
75 g arancia candita
1 baccello vaniglia
Acqua fiori di arancia

Procedimento:

Per realizzare il composto per la crema, amalgamare la ricotta – messa a sgocciolare il giorno prima in frigorifero – con la metà dello zucchero. Unire i baccelli di vaniglia nel restante zucchero e aggiungere le uova e i tuorli. Mescolare il grano con il latte e l’acqua di fiori di arancia per poi amalgamare tutti gli ingredienti e aggiungere i cubetti di arancia. Per ottenere una consistenza più omogenea, passare leggermente al cutter (in alternativa usare la planetaria con frusta a foglia).

Dopo aver foderato la teglia con la pasta frolla, versare il ripieno e sigillare il tutto realizzando 7 strisce decorative disponendole a reticolo. Per concludere l’opera, cuocere in forno a 170° per circa 35/40 minuti. Una volta ultimata la cottura, spegnere il forno e lasciare raffreddare. Prima di servire la pastiera, volendo, è possibile aggiungere una spolverata di zucchero a velo. Ecco il necessaire per rendere omaggio a uno dei dolci cult della tradizione partenopea in grado di arricchire la tavola pasquale e regalare preziosi momenti di dolcezza.

Stampo in alluminio

Questa tortiera conica in alluminio (disponibile in diversi diametri e differenti altezze) con tanto di orlo, solida e resistente, garantisce una distribuzione uniforme del calore. Data la sua versatilità, si può utilizzare per la cottura di varie pietanze, sia dolci che salate, come ad esempio la pastiera e la pizza. Facile da pulire.

Griglia tagliapasta

Soprattutto se si è alle prime armi e non si ha particolare dimestichezza nella preparazione di dolci, per realizzare con maggiore precisione le strisce decorative di frolla è possibile aiutarsi con questo tagliapasta (anche se così facendo non si rispetterebbe la tradizione tipica partenopea delle sette strisce, quindi è preferibile stendere un pezzo di frolla, lasciarlo raffreddare in frigorifero e tagliare le strisce manualmente). La griglia permette infatti, in pochi e semplici passaggi, di ultimare delizie come crostate o la pastiera.

Spatola in silicone

In cucina munirsi degli strumenti giusti è importante. Leggera, maneggevole e resistente, questa spatola in silicone rappresenta un valido alleato per gli amanti dell’arte pasticcera in quanto permette di raccogliere impasti e creme da teglie o ciotole senza danneggiarle.

Altri suggerimenti:

Leggi anche:

La sorpresa è più originale con l’uovo di Pasqua fai da te

Come preparare la casa alla Pasqua, si parte dai piccoli decori

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.