Disinfettare smartphone, occhiali e tanto altro con i sanificatori portatili

Perché investire in un sanificatore per telefonini e altri accessori personali? Beh, con tutto quello che sta accadendo nel mondo, è evidente che rendere più sicuri oggetti dall’uso quotidiano, che si hanno sempre con sé e si toccano in continuazione, non è proprio una brutta idea. Basti pensare che lo smartphone conserva in media 10 volte più germi di un copri-water. E toccando il telefono circa 80 volte al giorno, ci rendiamo conto che la pulizia può essere un problema, pure se non ce ne accorgiamo. Ma non solo il cellulare: dalle chiavi di casa a quelle dell’auto, gli occhiali da vista o quelli da sole, persino il cappellino e la confezione di fazzolettini possono nascondere una dose rilevante di batteri che, dopo l’esperienza del Covid-19, fanno paura.

Se pensi che basta passare un panno in microfibra per pulire orpelli più o meno presenti, beh, la domanda è: ci spruzzi prima sopra un po’ di detergente? Se la risposta è “no”, l’operazione non farà altro che concentrare maggiormente l’esposizione batterica, semplicemente mescolando polvere e germi tra di loro. Se non siamo ancora convinti della necessità di adottare un modus operandi migliore, i moderni sanificatori ci vengono in soccorso. Sono piccoli, non eccessivamente costosi e capaci di eliminare fino al 99% di batteri in pochi minuti. Lavorano tramite raggi ultravioletti, e luci Led, che uccidono i germi senza rovinare le parti esterne e interne di smartphone e altri oggetti.

La luce UV (in particolare la UV-C) ha una lunghezza d’onda tra i 200 e i 280 nanometri, è invisibile e fa il suo lavoro in un tempo relativamente breve su superfici limitate. Il funzionamento alla base è lo stesso dei sanitizer per biberon, in circolazione da anni, ma in formati più piccoli, leggeri e trasportabili ovunque.

Consolidated Holdings: profuma e sanifica

Chi desidera disinfettare gli oggetti e, contemporaneamente, rinfrescare una stanza, può rivolgersi a questo detergente UV di Consolidating Holdings. Capace di disinfettare completamente il telefono in meno di sei minuti, non sacrifica la velocità per l’efficacia: distrugge il 99,9% dei batteri su qualsiasi dispositivo fino a sei pollici, oltre a gioielli, spazzolini da denti e altro ancora. Inoltre, viene fornito con un diffusore di olio essenziale incorporato, con un telaio elegante e compatto che si ripone facilmente in una borsa o si infila in una tasca più grande. È progettato per essere portato in ufficio, in vacanza o in qualsiasi occasione si pensi che un disinfettante portatile sia l’opzione migliore per stare al sicuro.

Rdmfy UV: anche per i giocattoli

Come il modello precedente, anche questo di Rdmfy funge da sanitizer e diffusore di profumi, anche umidificatore se si usa un tipo di olio essenziale. Adatto a oggetti di varia stazza, ha un’apertura da 7,2 pollici, quindi può purificare anche gli smartphone più grandi del mercato, mazzi di chiavi importanti e occhiali extralarge. Rdfmy è il regalo perfetto per il momento, visto che viene spedito in una confezione molto carina. Vista la dimensione, c’è chi lo usa pure per i giocattoli. E non è una cattiva idea.

Black Phone Sanitizer: per lo smartphone

Il disinfettante per telefoni UV-Clean di Homedics è efficace, compatto e molto veloce (e compatibile praticamente con qualsiasi smartphone attualmente in vendita), con un design pop-up che consente alla luce UV di raggiungere ogni centimetro quadrato di qualsiasi dispositivo (anche come chiavi, carte di credito, gioielli e altro) riposto all’interno. È senza dubbio un’ottima opzione per mantenere il telefono libero da germi indesiderati e altri batteri nocivi, ed è significativamente più economico della maggior parte dei disinfettanti di questo tipo. Realizzato con una elegante cerniera, utilizza 2 Led germicidi UV-C per eliminare i batteri in poco meno di un minuto e, grazie alla straordinaria durata della batteria, può lavorare fino a 70 volte con una singola carica. UV-Clean è abbastanza grande da adattarsi a qualsiasi dimensione di oggetti ma ancora compatto e leggero da portare ovunque.

Per sanificare l’acqua: CrazyCap

L’acqua che scorre dal rubinetto di casa è quasi sicuramente priva del coronavirus ed è, di fatto, probabilmente priva di batteri o virus dannosi. Ma quando si è in campeggio, non ci si può fidare dell’acqua che si trova in giro, ergo meglio dotarsi di un sistema di sanificazione UV. questa soluzione è un ottimo modo per bere in sicurezza, da qualsiasi fonte, visto che il cappuccio presenta una luce UV-C che può uccidere circa il 99,99% dei germi nell’acqua, da usare poi per sciacquare gli accessori di uso quotidiano (magari non il telefonino).

Celly Sterilizzatore UV: anche per le mascherine

ProSterilizer è uno sterilizzatore che riesce a eliminare fino al 99% dei batteri grazie alla luce UV-C. Mantenete al sicuro lo smartphone, lo smartwatch e altri accessori, grazie alle lampadine che sterilizzeranno completamente l’oggetto senza doverlo girare. Gode pure della funzione di aromaterapia: oltre a disinfettare, si possono aromatizzare gli oggetti, inserendo deodoranti oppure oli essenziali. C’è anche una comoda funzione per maschere, guanti, fazzoletti.

Altri suggerimenti

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.