RC professionale per i medici, ecco come funziona questa polizza obbligatoria

Qualunque medico iscritto all’albo è tenuto ad assicurarsi contro i rischi derivanti dalla professione, sia che svolga l’attività come dipendente sia che operi come libero professionista. La polizza di responsabilità civile professionale per i medici è infatti obbligatoria dal 2014.

La polizza RC professionale medici tutela i professionisti sanitari nel caso in cui siano chiamati a risarcire un terzo a seguito di un comportamento colposo, di errori o di omissioni commessi nello svolgimento dell’attività sanitaria. L’obbligo di copertura assicurativa per i medici è stato introdotto con il DPR 137/12. E, secondo quanto prescritto dal Ministero, l’assicurazione è obbligatoria per i medici che svolgono l’attività come liberi professionisti, dipendenti di strutture sanitarie pubbliche che svolgono attività intra moenia o extra moenia, anche saltuaria, dipendenti di strutture sanitarie private, convenzionati con il sistema sanitario nazionale o che svolgono attività di consulenza o collaborazione con cliniche, strutture sanitarie pubbliche o private.

La polizza per responsabilità civile professionale tutela i medici sia nei confronti di chi avanza una richiesta di risarcimento, sia nei confronti della struttura sanitaria – o, più nello specifico, della compagnia che assicura la struttura – che può rivalersi contro il professionista se viene accertato che il danno subito da un paziente sia sua diretta responsabilità. Quando si riceve una richiesta di risarcimento, bisogna tempestivamente informare la propria compagnia assicurativa che aprirà il sinistro, valutando la fondatezza della richiesta e infine provvedendo alla liquidazione del danno. L’assicurazione copre sia le spese relative al risarcimento del paziente sia le eventuali spese legali, inerenti esclusivamente al processo civile, sostenute per la difesa giudiziaria del medico, fino al raggiungimento del massimale previsto dalla polizza.

Le polizze di questo tipo sono generalmente proposte con la formula “claims made”. Vuol dire che la copertura assicurativa è valida per tutte le richieste di risarcimento arrivate durante il periodo di validità della polizza anche se derivano da un fatto precedente, purché rientrino nel periodo di retroattività indicato nel contratto. Normalmente il periodo di retroattività può arrivare fino a dieci anni. Se, ad esempio, si stipula la polizza di RC professionale nel 2019 con un periodo di retroattività di 10 anni, la compagnia assicurativa risponderà delle richieste di risarcimento legate a fatti accaduti a partire dal 2009. Inoltre il contratto assicurativo dovrebbe prevedere un periodo di ultrattività che tuteli il professionista dopo il suo ritiro, o i suoi eredi in caso di premorienza.

Il paziente può presentare una richiesta di risarcimento quando ritiene che il comportamento del medico gli abbia causato un danno psico-fisico. I casi più frequenti sono errori nella compilazione della cartella clinica; errori tecnici nella prestazione chirurgica, se non vengono rispettate le Linee Guida adeguate alle specificità del caso concreto; diagnosi errate o non tempestive; errori nella prescrizione della terapia; ritardi nella prestazione chirurgica o mancato riconoscimento di un’emergenza. Le polizze che coprono i rischi professionali possono avere una copertura “all risks”, vale a dire che la copertura è valida per tutti i rischi fatta eccezione per quelli esplicitamente esclusi nel fascicolo informativo e nel contratto di assicurazione, oppure una copertura “a rischi nominati”.

Oltre alle cause d’esclusione, un altro elemento da valutare con la massima attenzione quando si sta considerando la sottoscrizione di un’assicurazione professionale è il massimale. Di solito, per le polizze RC medici le compagnie propongono massimali differenziati a seconda del tipo di specializzazione del medico e della rischiosità della sua attività. I massimali in questo tipo di polizza assicurano generalmente fino a cinque milioni di euro. Quello della responsabilità civile dei medici è un tema complesso, anche a causa della delicatezza della professione. Per questo, è bene chiedere il parere di un esperto in ambito assicurativo, in grado di stimare il rischio derivante dallo svolgimento dell’attività professionale e quindi valutare la copertura più adatta alla propria specializzazione. Per essere ricontatti da un esperto assicurativo, a cui porre tutti i quesiti in merito, basta compilare il seguente form.

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.

Altri consigli