Badminton, cosa sapere per scegliere la racchetta giusta

Racchetta badminton
iStock

Non solo tennis. Qui vi proponiamo una selezione dedicata alla racchetta badminton. Provate questo sport, siamo sicuri che vi piacerà

Il badminton è uno sport che consiste nel colpire con una racchetta un volano, ossia una pallina leggero di forma conica aperta, facendogli oltrepassare la rete e mandandolo nella metà campo opposta dove dovrà essere ribattuto al volo dall’avversario. Ricorda il tennis, ma è decisamente più veloce. Sembra che il badminton abbia radici antichissime poiché le testimonianze storiche confermano l’esistenza, fin dal I secolo a.C., di un antico gioco cinese in cui si usavano volani e rudimentali racchette.

Dalla Cina il gioco si diffonde velocemente anche in tutto il resto dell’Oriente, fino ad arrivare in Grecia e in Inghilterra. Ed è in territorio britannico che, nel castello chiamato Badminton House, nasce la disciplina sportiva. Siamo nel 1860 e proprio nel castello inglese da cui prendere il nome vengono codificate le regole. Si pratica su un campo abbastanza piccolo diviso a metà da una rete. Si gioca con un tipo di racchette diverse da quelle per il tennis e il volano, dalla forma conica, può essere di materiali naturali o sintetici, con la base in sughero ricoperto da un sottile strato di pelle. Se chi serve vince il punto, il suo punteggio aumenta di uno. Se invece lo perde il punteggio rimane invariato, ma il servizio passa all’avversario. Tutte le partite si giocano di tre set a 15 punti e vince il punto chi effettua il servizio. Il cambio di campo avviene dopo ogni set.

La racchetta da badminton è costruita in diversi materiali. All’origine era in legno, poi si è lentamente evoluta fino ad arrivare ai nostri giorni prima all’acciaio, poi a leghe di alluminio per arrivare al carbonio e alla grafite, i due materiali ora più utilizzati. Per scegliere la racchetta bisogna esprimersi in millimetri a partire dalla base del manico. Più è alto, più il peso di bilanciamento è ripartito verso il telaio, cioè la testa.

Per scegliere una racchetta da badminton si può dare un’occhiata a questi suggerimenti

La racchetta a marchio Viktor

Si tratta di un’ottima racchetta perché si presenta molto leggera e maneggevole. Nonostante le corde non siano tiratissime si possono effettuare colpi abbastanza forti. Il corpo della racchetta è di carbonio e risulta molto robusto e resistente oltre ad essere molto flessibile. E’ sicuramente un prodotto indicato per chi non è proprio un principiante, considerando anche che esteticamente fa la sua bella figura e che arriva prima di custodia.


La racchetta della Wilson

Il marchio Wilson è stato per quasi un secolo il cuore della storia sportiva: nessuna altra azienda, infatti, ha avuto la stessa importanza ed è stata così profondamente coinvolta nell’influenzare il gioco del tennis, del golf, del baseball e del football americano come Wilson. Ma è anche un punto di riferimento per il badminton. Questo prodotto, completo di borsone, contiene due racchette per uso occasionale. Non si tratta quindi di racchette professionali, ma sono ideali per partite sporadiche e per allenarsi, che risultano leggere e facili da usare.


La racchetta della Senston

La racchetta ha integrato il design monopezzo e la tecnologia T-joint, ed è stata ulteriormente migliorata la stabilità, ottenendo prestazioni di controllo ad alta precisione. Evita anche la deformazione e rende le racchette più stabili. Il suo esclusivo design a telaio piramidale è conforme alla meccanica dell’aria, riducendo al minimo la resistenza allo swing, consentendo un gioco veloce. Le racchette sono ottimali e particolarmente leggere e molto comoda risulta anche la custodia.


Altri suggerimenti:

Ultimo aggiornamento il 18 Ottobre 2021 2:44

 

 

 

 

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.