Portaombrelli, il classico accessorio diventa di design

portaombrelli
Courtesy of©YakobchukOlena/iStock

Indispensabile per tenere in ordine gli ombrelli è in grado di rendere più accogliente l’ingresso di casa

Quando il meteo fa le bizze, per ripararsi dalla pioggia l’ombrello è indispensabile. Una volta rientrati nella propria abitazione si pone però il problema di dove riporlo. Per evitare di bagnare/rovinare il pavimento, c’è chi lo lascia sul pianerottolo ma, la soluzione più comoda e anche più frequente è un portaombrelli. Dimenticate dunque ombrelli sgocciolanti: questo accessorio, spesso sottovalutato, è di grande utilità in quanto permette di mantenere la propria abitazione pulita. Il tutto senza rinunciare al design.

Pratico ma anche stiloso: il portaombrelli infatti, oltre a svolgere la sua fuzione di contenitore, può essere un elemento decorativo in grado di valorizzare e personalizzare l’ingresso di casa rendendolo più accogliente. Scongiura la confusione e permette di tenere gli ombrelli sempre a portata di mano. Quale scegliere? L’offerta è davvero ricca. A variare possono essere tanto i materiali (plastica, vetro, legno, acciaio, ferro battuto o ancora porcellana etc.) quanto le dimensioni e, ovviamente, i prezzi. Per fare la scelta giusta basta scegliere un modello il cui stile è in linea con il resto della casa.

Si spazia da soluzioni dalle linee essenziali come il classico portaombrelli a cilindro a quelle più innovative dal design contemporaneo che assumono forme particolari e giocose o presentano decorazioni ricercate. Lo stesso vale per i colori che possono essere ora più sobri e classici ora più vivaci, perfetti per allontanare il grigiore che caratterizza le giornate uggiose. Ecco qualche idea per tenere in ordine gli ombrelli e, al tempo stesso, arredare e decorare gli spazi della propria abitazione in maniera originale.

Kartell – portaombrelli vintage

Ideale per riporre e tenere in ordine gli ombrelli, il portaombrelli firmato Kartell, o meglio Gino Colombini, con il suo design vintage strizza l’occhio agli anni ’60. Realizzato in materiale plastico, è semplice ma al tempo stesso multifunzionale: si può infatti utilizzare sia in ambienti interni che esterni. E ancora come cestino gettacarte. Disponibile in diverse colorazioni (nero, bianco e grigio), si adatta facilmente allo stile della propria casa.

Pusher – portaombrelli giocoso

Pratico, innovativo e decisamente originale: questo simpatico portaombrelli, realizzato in plastica, presenta un design moderno e giocoso ispirato alla natura. Permette infatti di infilare tra quelli che sembrano dei fili di erba gli ombrelli (disponibile sia in verde che in bianco) e oltre a sorreggerli, grazie alla vaschetta contenuta alla base, permette di raccogliere l’acqua piovana così da evitare che fuoriesca sul pavimento. Date le sue dimensioni contenute si adatta a ogni spazio.

Guzzini – portaombrelli moderno

Non un semplice contenitore: Nuvola, opera realizzata dai designers Angeletti&Ruzza, si presta a svariati usi. Può essere utilizzato come vaso d’arredo ma anche come portaombrelli: grazie alla sua capienza, infatti, permette di riporre con stile uno o più ombrelli. Realizzato in materiale plastico (disponibile in 4 differenti colori), può essere posizionato in qualunque ambiente, a prescindere dal tipo di arredamento.

Altri suggerimenti:

Leggi anche:

Ombrello inverso, comodo e pratico

Ombrello da viaggio per non farsi sorprendere dalla pioggia

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.