Polizza di tutela legale, non solo per automobilisti: ecco cosa copre e come funziona

Quando si è coinvolti in un contenzioso legale, le spese da affrontare sono molte: la parcella dell’avvocato, le spese per gli eventuali ricorsi e appelli, il costo delle consulenze e delle perizie… Ma non si può fare altrimenti. E attivare una polizza di tutela legale è l’unica soluzione che si ha per evitare di pagare di tasca propria tutte queste incombenze e per essere certi di riuscire a difendere i propri diritti, senza preoccuparsi dei costi da sostenere.

La tutela legale – anche conosciuta come polizza di tutela giudiziaria – è una copertura assicurativa che prevede il pagamento delle spese legali da parte della compagnia in caso di contenzioso. Spesso si conosce questo tipo di polizza perché è una delle garanzie extra che si possono sottoscrivere durante l’assicurazione dell’autoveicolo. Poi, dall’introduzione dell’omicidio stradale (legge n. 41/2016) è nettamente cresciuto il numero di automobilisti che hanno arricchito la propria polizza RCA con questa tutela. Infatti, se si provoca un incidente che causa la morte di un’altra persona o provoca lesioni personali gravi o gravissime, così come vengono definite dalla legge, si commette un reato. E in questo caso, aver sottoscritto questa garanzia accessoria del contratto di responsabilità civile tutela l’automobilista dalle spese legali conseguenti all’incidente. Ma non è l’unico motivo per cui è utile sottoscriverla.

Offrendo l’assistenza di un legale, la polizza di tutela giudiziaria è fondamentale ogni volta che si verifica un contenzioso con qualcuno. Questo tipo di polizza è quindi particolarmente indicato sia per chi ha un piccolo patrimonio, e avrebbe difficoltà a sostenere le spese di un procedimento giudiziario, sia per chi è più soggetto a rischi legali, non solo per casi legati alla guida. È il caso, ad esempio, di chi svolge professioni delicate o a contatto col pubblico o ancora di chi dirige un’azienda. Ma è utile anche per un lavoratore dipendente che teme che possano sorgere contenziosi con il proprio datore di lavoro. Insomma, i soggetti che possono beneficiare dall’attivazione di una polizza di tutela legale sono numerosi. E per questi motivi, le compagnie hanno messo a punto prodotti assicurativi differenziati, pensati per rispondere alle esigenze specifiche di privati e di professionisti di vario genere.

Molto spesso, la presenza di un avvocato è essenziale sia per provare ad arrivare a un accordo stragiudiziale, sia quando a decidere è chiamato un giudice. Questo contratto di assicurazione prevede che sia la compagnia a farsi carico del pagamento delle spese legali sostenute per i procedimenti civili, penali (in caso di assoluzione) o amministrativi che coinvolgono l’assicurato. Tra le spese coperte figurano, per fare qualche esempio, le parcelle degli avvocati, le spese per perizie tecniche e legali, le spese processuali e le eventuali consulenze necessarie all’assistito. E rientrano nell’ambito dei rischi coperti da questa polizza sia i contenziosi nati a seguito di comportamenti sia dolosi, se l’assicurato è assolto con sentenza passata in giudicato, sia colposi dell’assicurato e inoltre i contenziosi derivanti da danni subiti da terzi che potrebbero avanzare richieste di risarcimento.

Nel caso in cui si verifichi una delle circostanze inserite nel contratto, l’assicurato è tenuto ad avvisare la compagnia entro pochi giorni (solitamente tre), in modo da far scattare rapidamente la copertura consentendo alla compagnia di intervenire rapidamente. E’ generalmente l’assicurato a scegliere, in fase giudiziale, se optare per un proprio avvocato di fiducia oppure tra uno dei legali specializzati indicati dalla compagnia. E ogni contratto specifica in dettaglio le coperture incluse, le cause di esclusione, il massimale della polizza ed eventualmente la franchigia o lo scoperto che rimangono a carico dell’assicurato.

Prima di firmare il contratto, ti consigliamo di confrontare le proposte di diverse compagnie, leggere con attenzione il fascicolo informativo e controllare le coperture inserite. Chiedere il parere di un consulente è la soluzione migliore se si hanno dei dubbi o se si vuole essere certo di scegliere la polizza più giusta per essere tranquillo qualsiasi cosa succeda. Per essere ricontattati da un esperto assicurativo, basta compilare questo form.

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.

Altri consigli