Pokè bowl, il mare in tavola

poke bowl
Courtesy of© sveta_zarzamora/iStock

Leggero e gustoso, questo piatto è perfetto per rallegrare la pausa pranzo. Ecco cosa serve per realizzarlo in casa

La cucina è un luogo magico, una palestra dove tutti possono allenarsi, sperimentare nuovi accostamenti e vivere piacevoli esperienze: “Impara a cucinare, prova nuove ricette, impara dai tuoi errori, non avere paura, ma soprattutto divertiti”, disse la cuoca nonché scrittrice californiana Julia Child. Perché non cogliere l’invito? Dopo aver sfornato, soprattutto durante il lockdown, pane, pizza e dolci a volontà, è arrivato il momento di allargare gli orizzonti e provare qualcosa di nuovo.

A sollecitare le papille gustative – e non solo – è il pokè, una delizia di origine hawaiana ovvero un piatto povero caro ai pescatori divenuto di recente, complici i social, uno dei food trend più gettonati dai foodies di tutto il mondo. Sono infatti in continuo aumento i locali tematici che invitano ad assaggiare questa pietanza di cui oggigiorno esistono innumerevoli varianti rispetto alla ricetta originale, più semplice ed essenziale. Il suo nome è il suo biglietto da visita: “Pokè è un taglio che ricorda la concasse, cioè un taglio ‘a cubetto’, che viene effettuato sia sulle verdure che sul pesce”, spiega Walter Regolanti chef di Mandala Poké, grande conoscitore del pesce.

Questo piatto, bello da vedere e buono da mangiare, è ideale per rallegrare ad esempio la pausa pranzo. Parliamo di un pasto completo, leggero e sicuramente sfizioso. Veniamo al dunque: quali gli ingredienti protagonisti? Al pesce – generalmente salmone o tonno – si affiancano il riso, le verdure (edamame, cetrioli, alghe wakame etc.), la frutta (fresca o secca), le salse – come quella di soia o l’olio di sesamo – e una parte crunchy, caratterizzata ad esempio da scaglie di mandorle o semi di sesamo, in grado di aggiungere croccantezza al piatto.

Muniti quindi di una bowl e di tutto il necesssaire, non resta che sbizzarrirsi e dilettarsi in creazioni fantasiose. Ognuno è libero di personalizzare a proprio piacimento la ricetta: è infatti possibile sostituire il pesce con il tofu o con il pollo. Il risultato? Decisamente scenografico.

Ciò che conta è prestare massima attenzione alla qualità della materia prima: “Il segreto del pokè perfetto sta nel sapere assemblare tutti gli ingredienti che devono essere freschi e di prima qualità. Per prima cosa bisogna abbattere a -24 gradi, per 24 ore, il pesce crudo. Questo per assicurarsi di neutralizzare qualsiasi forma patogena primo fra tutti l’Anisakis che ricordo essere il più pericoloso”, rivela lo chef. Oltre ai vari componenti, bisogna scegliere con cura anche gli attrezzi del mestiere: “Gli strumenti per fare una poké perfetta sono i coltelli che devono essere sempre puliti, affilati nonché adeguati alla sfilettatura, al taglio dei pesci stessi e delle verdure”, conclude Regolanti. Ecco una selezione di utensili che possono aiutare tanto nella realizzazione quanto nella presentazione e, ovviamente, nel consumo del piatto.

Wüsthof – coltello in acciaio

Per ottenere un pokè a regola d’arte è necessario tagliare il pesce a cubetti e, per questo motivo, è di fondamentale importanza la scelta del coltello che deve essere dotato della giusta lama. Ideale per la sfilettatura del pesce e per eseguire tagli di estrema precisione quello in acciaio Made in Germany proposto da Wüsthof: è infatti caratterizzato da una lama tagliente e da una pratica impugnatura.

Vancasso – set di scodelle in porcellana

Questo set di design, composto da 6 variopinte scodelle in ceramica decorate a mano e caratterizzate da diversi motivi geometrici, permette di portare in tavola diverse pietanze. Si possono infatti utilizzare per servire piatti come ramen, zuppe ma anche insalate o frutta. Pratiche da pulire e decisamente resistenti, queste ciotole si possono lavare comodamente in lavastoviglie e, inoltre, si possono utilizzare nel microonde.

finessCity – bacchette riciclabili

Se si ha dimestichezza con le bacchette, perché non utilizzarle per consumare il pokè? Questa proposta, caratterizzata da una piacevole estetica, raffinata ed elegante, rappresenta una soluzione pratica ovunque ci si trovi. Sono molto resistenti, leggere e facili da impugnare nonché da trasportare: sono infatti dotate di una robusta custodia in alluminio dove riporle quando non sono in uso. Sono dunque riutilizzabili e si possono lavare anche in lavastoviglie.

Altri suggerimenti:

Leggi anche:

Sushi casalingo, gli utensili per roll perfetti

Pentole giapponesi per originali preparazioni culinarie

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.