Pettini per capelli, come mettere la testa a posto

donna che si pettina i lunghi capelli
Courtesy of©puhhha/iStock

Rado o fitto, a coda o a forchetta, in legno o in plastica? A ogni capigliatura il suo rituale di bellezza

Capelli: gioie e dolori. E non solo per le donne. Per mantenerli sani e forti è bene prestare la massima attenzione agli strumenti che si utilizzano durante la propria haircare routine. Che dire ad esempio del pettine?

Questo accessorio, spesso trascurato, contribuisce in realtà al benessere della propria chioma purché venga scelto e utilizzato con cura: tante le tipologie presenti sul mercato che differiscono per forme, dimensioni e materiali. Possono quindi essere in legno o in plastica, con denti larghi o stretti, con o senza coda.

Come scegliere il pettine più adatto ai nostri capelli

Preziosi a tale proposito i consigli impartiti dagli esperti di Acca Kappa, marchio storico di eccellenza nella creazione di prodotti per la cura e il benessere del corpo e della casa.

Partiamo dai pettini in legno che, essendo perfettamente antistatici, consentono di lavorare i capelli senza caricarli di elettricità statica scongiurando così il tanto odiato effetto crespo. Per svolgere correttamente il loro compito devono essere dotati di dorso e denti perfettamente sagomati, senza imperfezioni, onde evitare di far impigliare – e quindi spezzare – i capelli. Le punte arrotondate assicurano la massima protezione della cute.

Venendo invece ai pettini in plastica possono essere realizzati utilizzando diversi tipi di materiali, come il policarbonato. In generale hanno una maggiore elasticità rispetto a quelli in legno e, anche in questo caso, è necessario assicurare la perfetta sagomatura e l’arrotondamento delle punte dei denti.

Per quanto riguarda le forme, invece, è bene stabilire l’uso che se ne deve fare ovvero districare i capelli, tagliarli, cotonarli o acconciarli. Tra i modelli più utilizzati e venduti, sia per uso professionale che domestico, c’è il pettine a denti medi, indicato soprattutto a chi ha i capelli fini: districa perfettamente i nodi senza destrutturare il capello e senza graffiare la cute. Il pettine radone invece, ideale per pettinare capelli bagnati, ricci, mossi, molto crespi o spessi, è caratterizzato da denti distanziati: scivola tra i capelli sciogliendo delicatamente i nodi, senza danneggiare il capello e la cute.

C’è poi il pettine a coda, particolarmente adatto a cotonare e a dare volume ai capelli. Non solo, è inoltre un perfetto alleato di precisione: permette di dividere le sezioni favorendo una corretta esecuzione del taglio oltre al perfezionamento dell’acconciatura. Viene utilizzato soprattutto dai professionisti della bellezza così come il pettine a forchetta: grazie alla sua forma districa delicatamente i capelli, aiuta a definire lo styling e a dare volume alla chioma. Molto diffuso anche il classico pettine da taglio con diversa dentatura (rado/fitto), adatto a differenti capigliature. Una volta chiarite le idee, non resta che passare dalla teoria alla pratica: ecco una selezione di modelli da valutare.

Ghd – a denti larghi

Estremamente funzionale e di design questo pettine radone, caratterizzato da denti larghi e da proprietà antistatiche, aiuta a sciogliere i nodi senza tirare, spezzare o elettrizzare la chioma. Si può utilizzare sia sui capelli umidi che asciutti ricordandosi però di pettinare prima le punte per poi procedere verso le radici. Risulta inoltre particolarmente adatto per stendere, in maniera omogenea, il balsamo così come la maschera durante il lavaggio dei capelli.

Acca Kappa – a codetta

Questo pettine a codetta, caratterizzato da denti dalla forma conica e punta arrotondata, risulta molto delicato: non graffia la cute e non danneggia la struttura del capello. Viene utilizzato soprattutto in ambito professionale per cotonare e dare volume alla chioma e ancora per sezionare i capelli e aiutarsi tanto nel taglio quanto nella stesura del colore.

Tek – a denti fitti

Ideale soprattutto per trattare i capelli fini, questo pettine antistatico a denti fitti – fatto a mano in legno di frassino e trattato con olio di lino e cera vegetale di carnauba – gode del certificato FSC® (Forest Stewardship Council®) e VEGAN OK. Grazie al pratico manico è facile da impugnare e utilizzare. A cosa serve? Aiuta a districare i capelli – asciutti o bagnati – senza rovinarli o elettrizzarli.

Altri suggerimenti:

2,50€
disponibile
1 nuovo da 2,50€
Amazon.it
Spedizione gratuita
20,99€
disponibile
4 nuovo da 14,50€
Amazon.it
25,50€
disponibile
2 nuovo da 20,80€
Amazon.it
Spedizione gratuita
8,95€
11,50
disponibile
4 nuovo da 8,95€
Amazon.it
Spedizione gratuita
7,99€
disponibile
1 nuovo da 7,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 3 Dicembre 2020 5:35

Leggi anche:

Spazzola rotante, il segreto di una piega perfetta

Tangle Teezer: la spazzola magica che districa senza dolore

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.