Nintendo Switch OLED: recensione e migliori giochi in promozione

nintendo switch oled

Stai valutando l’acquisto di una Nintendo Switch OLED? In questo articolo ti diamo una panoramica completa su questa console e ti spieghiamo chi, secondo noi, dovrebbe acquistarla. 

Display: Schermo Oled da 7 pollici con risoluzione di 1280×720
Dimensioni: (con i controller collegati) 102 mm x 242 mm x 13,9 mm
Peso: 320gr, con i controller 420g
Memoria interna: 64GB espandibile con scheda micro SD
Batteria: 4310 mAh
Porta: LAN

Perché comprarla

  • Utilizzabile in modalità portatile, da tavolo o in modalità TV
  • Compatibile con accessori e giochi della versione precedente
  • Schermo luminoso, con colori intensi e contrasto elevato
  • Grande quantità di titoli in esclusiva
  • Lunga durata della batteria (dalle 4,5 alle 9 ore)

console nintendo switch modello oled

 

La versatilità è uno dei punti di forza di Nintendo Switch OLED. Questa console si è affacciata sul mercato del gaming diversi anni fa e ha sempre riscosso un grande successo – che mantiene tutt’ora.
Che tu sia da solo o con i tuoi amici puoi inserire la console nella base, collegarla alla tv e godere dei titoli nintendo in HD sulla tua TV grazie allo stand integrato, molto migliorato rispetto alla versione precedente.
Puoi sfruttare a pieno la modalità da tavolo con un’esperienza di gioco mozzafiato grazie al fantastico schermo OLED da 7 pollici con cornici ridotte: anche in questa modalità puoi giocare in multiplayer.
La modalità portatile ti permette di usare la console ovunque (treno, auto, ecc.) senza dipendere da prese di corrente o schermi esterni. Inoltre con Nintendo Switch Online potrai sfidare appassionati di tutto il mondo.

Nintendo Switch Oled: differenze coi modelli precedenti

Nintendo Switch Oled è una versione migliorata del modello precedente che colma alcune lacune della versione classica della console (in vendita dal 2017).
Nel 2019 è stata presentata una versione Lite della Nintendo Switch: una console compatta e leggera che ha però il limite di poter giocare solo in mobilità, senza trasmettere le immagini alla tv.
Il modello Oled è ideale per:

  • chi non ha mai avuto una Nintendo Switch
  • chi ha puntato sulla Nintendo Switch Lite (più economica) per poi pentirsi di non poterla sfruttare per giocare alla TV (la Lite è infatti sprovvista del collegamento a schermi esterni)

Ma chi per ha una Nintendo Switch classica conviene acquistare una Oled?
Cercheremo di dare una risposta in questo articolo.

nintendo oled schermo


Perché abbiamo scelto di recensire il prodotto?

In questo momento è attiva una speciale promozione su eBay che comprende giochi e accessori per Nintendo Switch.
I giochi sono uno degli aspetti più accattivanti per scegliere Nintendo Switch: tra i tanti titoli in esclusiva impossibile non citare il fantastico mondo di Super Mario, con le sue mille avventure, tra principesse da salvare, mostriciattoli da combattere e kart su cui sfrecciare a tutta velocità.

Nintendo Switch Oled: le nostre prime impressioni

La confezione di Nintendo Switch Oled è in linea con gli ultimi trend di design. Il packaging è minimal ma curato: la scatola è più piccola delle versioni precedenti e rifinita con il classico rosso Nintendo in finitura opaca.
Appena alziamo il coperchio troviamo in bella vista lo schermo OLED, il vero fulcro della console, poi i classici manuali informativi e i Joy-Con.
Sollevando il cartone divisorio troviamo la base, l’alimentatore USB-C, i laccetti per i Joy-Con, il Comfort Grip per unire i due Joy-Con in un unico comodo controller e un cavo cdmi 2.0, di qualità superiore a quello fornito di solito con Switch.
Purtroppo non è una confezione plastic-free: al suo interno troviamo diverse bustine di plastica.

console switch oled


Nintendo Switch Oled: design e accessori

Il design del modello Oled rimane pressoché invariato rispetto al modello originale, fatta eccezione per alcuni dettagli.

I tasti dell’accensione e del volume sono più stretti e allungati. Anche la griglia di dissipazione del calore cambia leggermente, ma entrambe le modifiche hanno più un fine estetico che funzionale: rendono la console più raffinata e di design.

nintendo switch oled design

La modifica più importante (escludendo lo schermo OLED) è visibile nello stand posteriore, che era uno dei lati deboli della versione originale. Il nuovo stand è più grande e copre tutta la superficie posteriore. È molto più solido e permette varie regolazioni che lo rendono più stabile per usufruire al meglio della modalità da tavolo.
Nintendo Switch Oled presenta alcune finezze estetiche: nasconde i codici a barre e numeri seriali lasciando il retro della console “pulito”.  Altra parte non visibile è lo slot per l’espansione della memoria tramite la scheda micro SD (che adesso è molto più accessibile e funzionale).
I piedini sono in gomma antiscivolo e aderiscono perfettamente (dettaglio importante durante l’utilizzo della console in modalità da tavolo).

I joystick (Joy-Con) non subiscono modifiche. Sono identici al modello precedente, ad eccezione della colorazione nel modello bianco.

nintendo joycon
Se da un lato questo è positivo per la perfetta compatibilità con le versioni precedenti, dall’altro fa sorgere dubbi sul fatto che Nintendo abbia risolto il famoso problema del drifting degli analogici. C’è da dire che probabilmente con aggiornamenti software questo problema si può correggere facilmente.

comandi joycon

Anche il design della base è stato rivisto: gli angoli sono smussati, la colorazione è in tinta con i Joy-con e c’è una plastica lucida interna.


Caratteristiche tecniche principali

Dal punto di vista tecnico è stata aggiunta una porta LAN che permette di avere sessioni di gioco online più stabili rispetto a una connessione Wi-Fi. Sono presenti poi due porte USB 2.0 sul lato, il connettore per la console, quello per l’alimentatore e la porta HDMI per la connessione alla TV.

A livello hardware non ci sono stati significativi miglioramenti: i tempi di caricamento, la fluidità e la risoluzione (sia in portabilità che utilizzando l’uscita video HDMI) sono gli stessi, senza un avanzamento in termini di prestazioni.nintendo oled porte

La memoria invece è stata potenziata. Si passa dai 32GB ai 64GB, una buona capacità che permette di scaricare diversi giochi o screenshot e filmati di gameplay.
Naturalmente chi è abituato a effettuare numerosi download avrà bisogno di una scheda SD per aumentare lo spazio di archiviazione.

Nintendo afferma che l’autonomia della batteria rimane invariata anche con lo schermo OLED. Dichiara un utilizzo dalle 4,5 alle 9 ore a seconda del tipo di gioco di utilizzato. È una stima corretta e non notiamo differenze nell’autonomia tra i due modelli.
Un ruolo importante lo gioca la luminosità dello schermo: se impostata sempre al massimo può consumare di più, ma è un’impostazione che si rende necessaria solo in situazioni di forte luminosità esterna (ad esempio utilizzando la console all’aperto e in giornate particolarmente soleggiate).

Gli speaker frontali sono posizionati nella parte inferiore dello schermo. Anche se le griglie sono meno visibili, in questa versione sono più ampie e offrono un suono un po’ più nitido.

Le basi sono intercambiabili tra i due modelli e anche gli accessori sono compatibili.
Ci sono però alcune piccole eccezioni: i gusci protettivi non possono essere riutilizzati (i 3 mm di differenza tra le due versioni si fanno notare).
In ogni caso consigliamo di verificare la piena compatibilità con la versione OLED al momento dell’acquisto di un accessorio.


La nostra valutazione finale sul prodotto

Switch Oled non effettua un salto in avanti significativo come in passato hanno fatto altre versioni di console.
Molti appassionati e possessori del modello classico probabilmente rinunceranno all’upgrade. Per chi gioca principalmente in modalità tv non ci sono abbastanza motivi validi per passare alla versione OLED.
Per chi invece utilizza la console in mobilità, lo schermo OLED fa una grande differenza migliorando in modo notevole l’esperienza di gioco.

A chi è consigliata?

Switch OLED è l’acquisto ideale per tutti coloro che non hanno ancora una Switch o dispongono di un modello 2017 o Lite.

  1. A chi non ha mai posseduto una Nintendo Switch consigliamo di puntare alla OLED e non valutare il modello 2019, anche considerando il nuovo prezzo di listino.
  2. Per chi ha la console del 2017 il passaggio alla OLED porta anche importanti miglioramenti sul fronte dell’autonomia (quasi raddoppiata).
  3. Per chi ha possiede Nintendo Switch Lite e si è pentito dell’impossibilità di poterla collegare alla TV (o vuole un display migliore e la possibilità di accedere alla vibrazione) Switch OLED è ad oggi l’unico upgrade che merita di essere seriamente valutato.

Discorso diverso per i possessori del modello 2019, per i quali il passaggio alla OLED presenta meno vantaggi rispetto a chi ha una Switch del 2017, visto che il miglioramento alla batteria era già stato implementato. Ovviamente tutte le altre caratteristiche – display e kickstand su tutte – possono fare comunque gola e, sebbene il passaggio non sia consigliato, possiamo capire l’eventuale tentazione!

Cosa ci è piaciuto

  • Lo schermo OLED
  • Lo stand per usare la console in modalità da tavolo
  • L’ergonomia
  • I titoli di gioco
  • Le modalità multiple, online e non

Aspetti da migliorare

  • Specifiche hardware non implementate
  • Il fatto di non poter sfruttare il 4K della tv ma solo l’HD

 

DESIGN   8
DISPLAY   8,5
USABILITÀ   8
AUTONOMIA   7,5
QUALITÀ/PREZZO   7

VOTO COMPLESSIVO 8


Disponibilità e prezzo

Nintendo Switch OLED è in commercio da ottobre 2021 ed è possibile acquistarla su eBay al prezzo di 349,99€.

Ecco tutti i giochi per Nintendo Switch in promozione su eBay:


Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.