Mai più senza energia se in casa c’e il gruppo di continuità

UPS Tecnoware
Credit

Presenti da decenni in ufficio per scongiurare lo spegnimento improvviso e la perdita dei dati del computer,  gli UPS, uninterruptible power supply,  negli ultimi anni hanno assunto un ruolo sempre più importante anche nell’ambito domestico, per consentire la continuità delle funzioni di domotica delle nostre abitazioni. Tapparelle elettriche, impianti d’allarme e videosorveglianza, per non arrestarsi necessitano di alimentazione, così come i modem o router che permettono di inviare immagini e segnalazioni tramite internet e farle pervenire sugli smartphone. Gli UPS, detti anche in italiano “gruppi di continuità” sono importanti non solo per assicurare il funzionamento dei nostri dispositivi in caso di mancanza di corrente, ma anche per proteggerli ed allungarne la vita, grazie alla cosiddetta funzione AVR, automatic voltage regulation, che stabilizza l’elettricità, eliminando i pericolosissimi sovra voltaggi, frequentissimi durante i temporali. Alcuni costruttori di UPS forniscono assieme al prodotto una polizza assicurativa che garantisce un indennizzo nel caso in cui qualcosa connesso al proprio gruppo di continuità dovesse essere danneggiato dalla corrente indotta da un fulmine o da un altro fattore avverso. 

Per qualsiasi esigenza o necessità esiste un UPS adatto. In questo articolo, con l’esclusione del Tecnoware Exa Plus 1000,  parleremo di modelli entry level, adatti ad alimentare piccoli computer, telecamere IP, modem, router, insomma. Per proteggere i computer e server più preziosi, dotati di alimentatori con PFC attivo, e altri dispositivi, come luci al neon, ventilatori, e tutto ciò che ha un motore elettrico all’interno (caldaie, stufe a pellet, frigoriferi, etc.) occorrono invece UPS speciali, in grado di fornire elettricità con una forma d’onda sinusoidale. Qui trovate l’articolo sui migliori UPS di fascia alta.

Il parametro più importante per la scelta del migliore UPS per le proprie esigenze è la potenza massima supportata. La somma della potenza massima assorbita da tutti i dispositivi e periferiche deve essere inferiore a quella del gruppo a cui sono collegati. Sebbene computer e periferiche dichiarino la potenza massima assorbita in watt, per i gruppi di continuità si utilizza un’altra unità di misura, il VA, voltampere, che, senza scendere troppo nel tecnico, ha un valore di conversione di circa 1,6. Per spiegarci meglio, se devo supportare un computer, un monitor, un router e una telecamera IP che hanno un assorbimento massimo, tutti assieme, di 300W, dovrò acquistare un UPS da almeno 300×1,6=480VA. Se non sappiamo quanto assorbono le nostre periferiche, esistono degli utili configuratori online nei quali si inseriscono le periferiche e loro suggeriscono i VA del gruppo da acquistare. 

Il secondo parametro da considerare è la capacità delle batterie, che va a determinare l’autonomia in caso di assenza di elettricità. Capacità delle batterie e potenza in VA non sono direttamente associati: per questo motivo, due gruppi di continuità con lo stesso valore di VA possono garantire autonomie notevolmente differenti fra loro, e in genere per capirlo bisogna saper consultare le schede tecniche oppure affidarsi ai suggerimenti di un esperto.

Per alimentare periferiche con piccoli assorbimenti, come router 3G/4G, sono nati recentemente i mini UPS, che forniscono l’alimentazione necessaria ai dispositivi anche tramite porte USB. Sono grandi quanto dei power bank, ma fatti per restare sempre connessi alla corrente: li abbiamo esclusi da questa comparativa perché dedicheremo ad essi un confronto specifico.

 

I migliori UPS / Gruppo di Continuità sia come rapporto qualità prezzo, che come scelta budget: Tecnoware Era Plus 750 e Atlantis UPS X1000

{{title}}

Nel mondo dell’elettronica di consumo, dominato dai produttori del sol levante, ci fa piacere segnalare che il miglior prodotto nella classe budget è di un’azienda italiana al 100%. Tecnoware produce in Italia dal 1986 gruppi di continuità e alimentatori per computer di tutte le tipologie. Ha filiali in Spagna, UK, Emirati e Cina, e rappresentanze in oltre 26 paesi ed è una delle eccellenze del Made in Italy nel settore della tecnologia.

Il gruppo di continuità Tecnoware Era 750 Plus prende la sigla dalla potenza nominale di  750 VA che corrispondono ad una potenza attiva di 525W. Essendo un modello entry level con onda pseudo sinusoidale, è sconsigliato per workstation, PC gaming e server, ma è l’ideale per fornire continuità a piccoli computer, dispositivi di rete, e soprattutto a piccoli sistemi di videosorveglianza, incluse le telecamere IP motorizzate e da esterni. A dispetto del suo costo contenuto è dotato di un circuito elettronico di stabilizzazione della tensione AVR, che protegge non solo in caso di backup ma anche da sovra e sotto tensioni, causate anche da fulmini. È dotato di due prese di uscita shuko, a cui poter collegare qualsiasi tipo di dispositivo. Per collegare apparecchi dotati di spina italiana, la classica a tre poli lineare, è necessario utilizzare un adattatore o una multipresa, non forniti in dotazione, ma che si acquistano facilmente in rete o in negozio.

La batteria ha una capacità di 5 Ah, in grado quindi di immagazzinare una potenza di 60W, quanto basta per dare continuità ad un piccolo impianto di sorveglianza, costituito da modem ADSL/Fibra e due telecamere IP, per quasi due ore. Se utilizzata correttamente, la batteria ha una vita media che va dai tre ai cinque anni, dopo di che può essere sostituita senza particolare difficoltà. Da segnalare che il ricambio originale Tecnoware costa appena 10,00 Euro, che contribuisce a rendere questo UPS particolarmente vantaggioso.

Molto interessante l’estensione della garanzia fornita gratuitamente che va ben oltre gli obblighi di legge, che prevede l’intervento della casa madre a domicilio in caso di guasto, per 36 mesi sull’elettronica e 12 mesi sulla batteria al piombo, sigillata, senza manutenzione. L’estensione richiede la registrazione del prodotto sul sito Tecnoware. Lo stesso gruppo di continuità è disponibile nella versione leggermente più potente da 900 VA.

Caratteristiche molto simili le ritroviamo in un altro UPS, proposto sempre da un’azienda italiana, Atlantis, che offre sempre rapporto qualità prezzo estremamente competitivo, e che ci piace per la grande trasparenza dei dati dichiarati. In questo caso la batteria è da 4,5 Ah.

Pro: ottimo rapporto prezzo/prestazioni, garanzia di 36 mesi a domicilio, batteria di ricambio estremamente economica

Contro: non compatibile con computer e server “nobili” dotati di alimentatori con PFC attivo

42,90€
59,99
disponibile
20 nuovo da 42,90€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 2 Dicembre 2020 15:43

Il migliore UPS / Gruppo di Continuità di potenza media: Tecnoware Era Plus 1100

{{title}}

Se la nostra migliore scelta budget è stata un modello Tecnoware, la stessa cosa avviene per i modelli di fascia media, dove Tecnowave propone Era Plus 1100, in grado di supportare una potenza attiva di 770W. Rispetto agli onomonimi modelli da 750 e 900VA, il 1100 VA ha in più la porta USB che permette la gestione completa del gruppo, e quindi di monitorare sia tutti i parametri dell’apparecchio, inclusi lo stato di carica della batteria e la potenza impegnata, sia i valori della corrente in entrata ed uscita. Tramite l’USB il gruppo comunica con i i PC windows, Unix e Linux e provvede a salvare e spegnere correttamente il computer prima che la batteria si scarichi completamente.

Questo modello, offre il vantaggio che oltre a poter gestire dispositivi più potenti, dispone di una batteria maggiorata a 7 Ah che permette di avere un’autonomia superiore di circa il 50% alimentando le stesse periferiche supportate dai gruppi più piccoli. La batteria di ricambio originale costa circa 15/18 Euro, e si sostituisce in media ogni 3/5 anni. Anche in questo caso sul sito Tecnoware è possibile attivare gratuitamente l’estensione della garanzia a 36 mesi sull’elettronica e 12 mesi sulla batteria. Con le stesse caratteristiche è disponibile il modello Era Plus 1500 che supporta una potenza maggiore e una batteria ancora più grande, da 9 Ah e 108 watt. 

Caratteristiche molto simili le ritroviamo in un altro UPS, proposto sempre da un’azienda italiana, Atlantis, che offre sempre rapporto qualità prezzo estremamente competitivo, e che ci piace per la grande trasparenza dei dati dichiarati. In questo caso la batteria è da 4,5 Ah.

Pro: porta USB per il monitoraggio, garanzia di 36 mesi a domicilio, batteria di ricambio economica

Contro: non compatibile con computer e server con alimentatori dotati di PFC attivo

Ultimo aggiornamento il 2 Dicembre 2020 15:43

Il gruppo di continuità con due batterie e display LCD: Trust Axxson 1300VA

{{title}}

Per chi cerca un UPS con potenza o autonomia superiore, l’Axxson da 1300VA di Trust potrebbe essere la soluzione ideale. Si tratta di un gruppo in grado di supportare dispositivi di rete o di sorveglianza con una notevole autonomia, grazie alle due batterie da 7.2 ampere ciascuna, per un totale di oltre 170 watt . Con questa capacità, in mancanza di corrente elettrica, un piccolo impianto di sorveglianza, costituito da due telecamere ed un modem/router, può essere alimentato per oltre sei ore . Sul frontalino dell’Axxon 1300 VA spicca  il display LCD anteriore con gradevole colorazione ambrata, che riporta i dati principali di funzionamento, voltaggio in entrata e in uscita, stato di carica della batteria e percentuale di potenza massima attualmente utilizzata. Il display permette quindi di sapere molte cose utili, anche senza avere un PC collegato via USB. Le prese di corrente in uscita sono quattro, in formato VDE, le spine per computer, monitor e periferiche varie, ma si possono adattare facilmente con multiprese dotate di questa spina, come quella del link a fondo pagina. Oltre alla porta USB, che permette la gestione del gruppo e l’attivazione dello spegnimento automatico del PC, è presente anche una porta passante telefonica, che permette di proteggere il modem ADSL da eventuali fulmini o sovratensioni che lo brucerebbero. Ovviamente stessa protezione è assicurata per le quattro porte di alimentazione: a sottolineare quanto Trust creda in questo prodotto, viene fornita gratuitamente una polizza assicurativa che rimborsa fino a 20.000,00 Euro nel caso in cui un problema della rete elettrica vada a danneggiare un computer o un dispositivo collegato al gruppo di continuità. La garanzia segue le leggi vigenti ed è pertanto di due anni per gli utenti domestici e di un anno per l’utenza business. La garanzia, dalla quale sono escluse le batterie, viene gestita attraverso il rivenditore, che in caso di guasto fornisce un’unità sostitutiva.

Pro: display LCD e porta USB per il monitoraggio delle funzioni principali, doppia batteria da 7.2 Ah, costruzione in metallo, polizza assicurativa gratuita

Contro: anche in questo caso l’onda sinusoidale è simulata, quindi non è indicato per l’utilizzo con i computer dotati di alimentatore con PFC attivo

Ultimo aggiornamento il 2 Dicembre 2020 15:43

I migliori UPS con onda sinusoidale: costano di più ma ci si può collegare di tutto, anche PC con PFC attivo: Tecnoware Exa Plus 1000 e Atlantis A03-HP851

In questo articolo, dedicato soprattutto agli UPS più economici, non erano previsti UPS con onda sinusoidale, a cui ci si può collegare di tutto, anche PC con alimentatore nobile, luci neon e dispositivi con motori elettrici (ventilatori, frigoriferi, etc.). Tuttavia abbiamo scelto di mettere qualche modello rubato dall’articolo sui Migliori UPS Sinewave/Onda Sinusoidale, per mostrare i pro di un modello di fascia superiore, e quanto ciò possa incidere sul costo di acquisto. Anche in questo caso le scelte migliori sono delle italiane Tecnoware e Atlantis. Il Tecnoware EXA Plus 1000 si distingue per la tecnologia costruttiva, Line Interactive Sinusoidale, che permette di utilizzarlo anche per alimentare computer e server dotati di alimentatore con PFC attivo. È dotato dell’innovativo sistema Eco Power, che grazie all’ausilio di un microprocessore, permette di aumentare l’efficienza del caricabatterie e di utilizzare pertanto fino al 50% di energia in meno. Dispone di otto uscite VDE, tutte filtrate da sovra e sotto tensioni, microinterruzioni ed interferenze, ma quattro sono collegate alle batterie per la continuità di alimentazione in caso di black out. Le porte VDE le spine classiche da PC, si possono adattare a qualsiasi tipo di spina tramite multiprese, vendute anche da Tecnoware, o adattatori (trovate dei suggerimenti in fondo all’articolo). Un filtro RJ/11/45 migliora la linea telefonica/internet e protegge il modem/router dall’azione dei fulmini. Nella parte anteriore due porte USB permettono di alimentare o caricare smartphone o altri dispotivi a 5V. Una porta posteriore USB permette il controllo remoto da PC (Windows, Mac, Linux) e il display è utilissimo per visualizzare i dati principali del gruppo, come la corrente in entrata e in uscita, lo stato di carica delle batterie e la corrente assorbita dalle periferiche collegate. Le dimensioni sono contenute in 18x37x37 centimetri ed il peso in 7,4 chilogrammi. Il reparto batterie è super, con due batterie da 7 Ah, per un totale di 168Wh. Le batterie sono in formato standard, non proprietario, che permettono una sostituzione semplice ed economica a fine ciclro.  sufficienti per alimentare un computer discretamente potente per una decina di minuti, o per alimentare per molto tempo un piccolo sistema di videosorveglianza. La garanzia anche in questo caso va oltre i termini di legge, e copre sia il gruppo che la batteria per 24 mesi, con intervento gratuito on site, presso il cliente, previa registrazione sul sito di Tecnoware.

Per chi volesse spendere meno, segnaliamo anche il meno versatile e potente, ma anche decisamente meno costoso, Atlantis A03-HP851, che supporta un carico massimo più basso, 850VA, ed una sola batteria, ma comunque piuttosto capace, ovvero da ben 9Ah (98Wh).

Pro: la tecnologia ad onda sinusoidale lo rende compatibili anche con PC e server dotati di alimentatore con PFC attivo, display LCD, risparmio energetico, porte di ricarica USB

Contro: costo ovviamente maggiore rispetto alle soluzioni entry level

Ultimo aggiornamento il 2 Dicembre 2020 15:43

Altri suggerimenti:

80,98€
99,99
disponibile
33 nuovo da 80,98€
Amazon.it
Spedizione gratuita
84,26€
99,00
disponibile
12 nuovo da 83,90€
1 usato da 77,08€
Amazon.it
Spedizione gratuita
88,99€
disponibile
27 nuovo da 79,59€
Amazon.it
Spedizione gratuita
10,99€
disponibile
10 nuovo da 9,90€
Amazon.it
Spedizione gratuita
5,10€
6,45
disponibile
3 nuovo da 5,10€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 2 Dicembre 2020 15:43

Leggi anche:

Le migliori telecamere IP: antifurto e sicurezza a basso costo

I migliori caricabatterie e power bank solari

I migliori pannelli solari da 100 watt ed i power bank “monstre”

I migliori caricabatterie a manovella

I migliori caricabatterie da bicicletta, pratici ed ecologici

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.