Sicurezza tutto l’anno, anche su neve e ghiaccio, con le ruote tecnologiche

Consigli migliori pneumatici quattro stagioni
iStock

La tecnologia entra nella vita di tutti i giorni per migliorare anche la sicurezza di oggetti apparentemente inanimati. Ecco le migliori gomme per le quattro stagioni

Anche quest’anno per percorrere molte strade extraurbane e tratti autostradali, dal 15 novembre al 15 aprile, occorre avere sull’auto la dotazione invernale, in poche parole catene da neve o pneumatici invernali. Chi abita in quota o in tratti spesso innevati giù utilizza da anni le ruote invernali, un set di gomme aggiuntivo che viene montato in autunno e smontato in primavera, per avere il massimo dell’aderenza in caso di gelo.

In tempi recenti, in aggiunta ai pneumatici invernali, i maggiori produttori hanno aggiunto al loro catalogo i pneumatici “four/all seasons” o quattro stagioni, che pur scendendo a compromessi sulla trazione sui fondi innevati, permettono con un solo tipo di pneumatico di affrontare qualsiasi condizione climatica, dal gelo polare al caldo estivo, evitando quindi la doppia sostituzione in autunno e primavera. Tra i modelli migliori ed i peggiori ci sono però delle differenze enormi: secondo test effettuati da riviste specializzate del nord europa, gli spazi di arresto delle gomme migliori sono inferiori anche di 15 metri, sulla stessa autovettura, nelle stesse condizioni di neve o bagnato!

Ecco quindi che abbiamo selezionato per voi le migliori gomme quattro stagioni, scelte in base ai test condotti da riviste del settore e dalle prove dei nostri redattori. Per poter confrontare il costo, abbiamo scelto per tutte la misura più gettonata, la 205/55 R16, essendo di primo equipaggiamento sulla maggior parte delle vetture di classe media.

Obbligo alle dotazioni invernali, tutto quello che c’è da sapere

I migliori pneumatici quattro stagioni: Michelin Cross Climate Plus

{{title}}

Quando sono arrivate sul mercato, le gomme Michelin Cross Climate hanno sbaragliato la concorrenza, perché sono state le prime gomme, sia tra quelle invernali che quattro stagioni, ad avere un rendimento elevato in tutte le condizioni d’uso, sia su neve e ghiaccio, che su asfalto asciutto e bagnato, anche con temperature superiori ai 25°C. Allo stesso tempo risolveva uno dei problemi delle gomme termiche, ossia l’usura veloce determinata dalla morbidezza del battistrada. Oggi, Michelin ha in listino la seconda versione di questo incredibile pneumatico, contrassegnato dal quel Plus in più nel nome, che attesta un ulteriore miglioramento nelle prestazioni e nella durata nel tempo. Le gomme termiche infatti vedono un progressivo peggioramento della loro “presa” con il passare dei chilometri, mentre Cross Climate Plus ha un rendimento pressoché costante.

Il Cross Climate Plus ha la doppia certificazione M+S e  3PMSF, 3 Peaks Mountain Snowflake, e sia nei test che nell’uso su strada, dimostra presa ottimale come “estivo”, mentre nell’uso invernale, si comporta molto bene sul ghiaccio, mentre sulla neve, mostra qualche limite solo sulla neve, dove uno pneumatico invernale permetteva una trazione decisamente migliore, specialmente partendo da fermo su neve fresca su rampe con pendenza accentuata.

Riassumendo, secondo noi, le Michelin Cross Climate Plus sono le migliori gomme quattro stagioni, soprattutto per le persone che per luogo di residenza ed abitudini, affrontano la neve in un numero limitato di occasioni,  ma che vogliono essere sicure in ogni condizione, anche la più pericolosa in assoluto, ossia la strada ghiacciata.

Pro: prestazioni da estivo su asfalto asciutto e bagnato, ottima presa sul ghiaccio, resistenza all’usura, costanza di rendimento

Contro: motricità su neve inferiore ad un invernale vero, è tra le gomme quattro stagioni più care

Ultimo aggiornamento il 5 Dicembre 2020 9:30

La gomma quattro stagioni più equilibrata: Goodyear Vector 4Season Gen-2.

{{title}}

Sebbene non sia riuscita ad ottenere il migliore riscontro “numerico” durante i test svolti dalla rivista tedesca Autobuild, la seconda versione di quattro stagioni dell’azienda americana, Goodyear Vector 4Season Gen-2 , per il suo comportamento equilibrato su tutte le superfici, si dimostra un’ottima alternativa alle Michelin Cross Climate Plus, soprattutto per chi deve gestire con più frequenza la neve fresca, condizione su cui le coperture francesi hanno mostrato qualche limite.

Il prezzo non è certamente il più contenuto in assoluto della categoria, ma ricordiamo che la differenza di prestazioni, tra gli pneumatici migliori e quelli più economici, può essere enorme, con 15 metri di scarto negli spazi di frenata, la lunghezza di un grande autobus.

Pro: equilibrio delle prestazioni in qualsiasi condizione climatica

Contro: tasso d’usura mediamente più elevato rispetto ad uno pneumatico estivo

Ultimo aggiornamento il 5 Dicembre 2020 9:30

La migliore quattro stagioni che protegge anche dalle forature! Pirelli Cinturato All Season Plus con Seal Inside

{{title}}

Sebbene la proprietà sia passata in mani cinesi, Pirelli resta uno dei marchi dell’eccellenza tecnologica italiana, con molti dei suoi pneumatici al vertice in prestazioni ed in qualità. La prima versione del Cinturato All Season ha dovuto fronteggiare l’uscita di modelli concorrenti più nuovi, ma adesso è il momento della rivincita con la nuova versione Plus, dotata di una nuova mescola, che permette di migliorare l’aderenza e la durata in tutte le condizioni d’uso, asfalto asciutto e bagnato, neve e ghiaccio. Cosa che però può rendere questo tipo di pneumatici la scelta migliore è la tecnologia, opzionale, Pirelli Seal Inside, con sigillante interno, che rende quasi impossibile lo sgonfiamento anche in caso di foratura.

Quando un chiodo ad esempio riesce a perforare per intero la gomma, sullo strato interno si trova un rivestimento speciale che lo avvolge senza che l’aria possa uscire. Nel momento in cui il chiodo dovesse fuoriuscire, il rivestimento penetra nel foro, tappandolo ermeticamente. La foratura è una delle prime cause d’incidenti, seconda solo alle distrazioni indotte dagli smartphone. Attenzione però al momento dell’acquisto, Pirelli popone la stessa gomma con e senza il “Seal Inside”, quindi è sempre bene verificare con il venditore che la ruote che state acquistando ne siano dotate: la differenza di prezzo tra l’una e l’altra è irrisoria.

Pro: buone prestazioni generali, tecnologia antiforatura Pirelli Seal Inside

Contro: costo allineato alle più care Michelin Cross Climate

Ultimo aggiornamento il 5 Dicembre 2020 9:30

Altri suggerimenti:

Ultimo aggiornamento il 5 Dicembre 2020 9:30

Leggi anche:

Le migliori catene da neve

Le migliori calze da neve per auto e catene in materiali sintetici

 

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.