Piante ancora verdi al rientro dalle vacanze grazie agli irrigatori automatici

Credit

La partenza per le vacanze porta una grande dose di gioia ed euforia, tuttavia lasciare l’abitazione per più di qualche giorno può creare qualche preoccupazione, per esempio per le piante. Quelle grasse possono resistere per diverso tempo anche senza ricevere acqua, ma non è così per tutte le altre, e soprattutto quelle più delicate degli orti urbani da balcone.

Costruire un piccolo impianto di irrigazione goccia a goccia è semplice e divertente e, se si ha un rubinetto sul balcone o in giardino lo è ancora di più. Quando l’acqua corrente non c’è, si può utilizzare un serbatoio, una tanica o un contenitore di plastica o metallo, a cui applicare un classico rubinetto con l’attacco da 3/4 di pollice. Sul rubinetto si collega, con gli accessori in dotazione, un irrigatore automatico, un piccolo strumento, generalmente alimentato a batteria, che regola l’ora ed il tempo di apertura dell’acqua. A sua volta all’irrigatore si collega un impianto a goccia, dove dei piccoli ugelli fanno uscire l’acqua in maniera mirata. Il sistema di irrigazione automatico permette quindi un risparmio di tempo e acqua notevole. Le piante ricevono infatti la dose di idratazione giusta senza alcuno spreco.

Quando si utilizza il rubinetto di casa, la pressione permette di scegliere qualsiasi irrigatore, in quanto i vari tipi supportano pressioni adeguate. Quando si usa un serbatoio invece, vengono fuori le grane, perché sono pochi i temporizzatori nati per pressione zero, e molti produttori omettono questo dato nella scheda tecnica.

Ricordiamo che molte piante che soffrono l’eccesso d’acqua, quindi è bene creare il giusto drenaggio. Molti vasi moderni hanno la cosiddetta riserva d’acqua, che svolge questa funzione, altrimenti con un po’ di argilla espansa e del tessuto non tessuto si può fare in pochi secondi un lavoro perfetto! L’irrigatore automatico non ha bisogno di particolare manutenzione, se non la verifica delle batterie e lo svuotamento dell’acqua durante la stagione fredda se la temperatura scende sotto lo zero. In estate va fatta la verifica periodica degli ugelli dei gocciolatori. Se l’acqua ha molto calcare, tendono ad otturarsi ogni uno/due mesi.

Il migliore programmatore di irrigazione per balcone e giardino: PLANT!T Water Timer

Quasi tutti i programmatori sono nati per essere collegati ad un rubinetto e non supportano la pressione limitata che si ottiene riempiendo un contenitore. Fortunatamente il PLANT!T Water Timer è stato creato appositamente per chi sul balcone o in giardino non ha l’acqua corrente e deve sfruttare un bidone da poche decine di litri; la sua elettrovalvola si apre completamente lasciando passare tutta l’acqua senza freno alcuno. Supporta pressioni comprese tra 0 e 10 bar, quindi va benissimo anche per chi ha sul balcone o in giardino un rubinetto. A parte questa caratteristica peculiare, pur avendo un costo molto contenuto, è molto completo ed ha tutte le funzioni essenziali di cui deve disporre un irrigatore automatico.  La programmazione si effettua tramite due rotelle; la prima permette di selezionare l’intervallo tra un’irrigazione ed un’altra, che può essere impostata da un’ora ad una settimana, con tantissime impostazioni intermedie. La seconda rotella invece permette di selezionare con precisione il tempo desiderato per ogni irrigazione, che può variare da un minuto fino a due ore. Non manca una posizione per forzare l’irrigazione manuale, senza scombussolare la programmazione già impostata. La funzionalità manuale è essenziale in fase di avvio e manutenzione dell’impianto perché permette di capire quanta acqua viene erogata da ogni singolo gocciolatore, senza dover smontare il programmatore ogni volta!

L’elettrovalvola del PLANT!T Water Timer emette un suono caratteristico che permette di capire quando si attiva e disattiva l’irrigazione: due batterie alcaline AAA, quelle piccole insomma, non fornite in dotazione, forniscono l’energia necessaria al funzionamento per un’intera stagione. Per contenere l’impatto ambientale abbiamo provato ad utilizzare delle batterie ricaricabili da 1,2 volt e funzionano perfettamente. Un piccolo led informa sul corretto funzionamento della parte elettronica e sullo stato di carica delle batterie.

Pro: supporta pressioni a partire da zero bar, funzioni di programmazione complete

Contro: non ha la flessibilità di un programmatore computerizzato

24,88€
32,45
disponibile
3 nuovo da 24,88€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 13 Agosto 2020 4:29

Il migliore sistema di irrigazione automatico che non richiede rubinetto ed energia elettrica: Claber Acquamagic System con pompa solare

Claber, un’azienda italiana che festeggia nel 2019 cinquant’anni di attività, è arrivata al successo grazie a soluzioni innovative, proprio come l’Acqua magic system, un programmatore che integra una pompa ad energia solare per prelevare l’acqua da passare a tubi capillari e gocciolatori. Una soluzione davvero geniale, per balconi, terrazzi, giardini ed orti, dove non sono presenti né acqua corrente né elettricità. Claber Acquamagic System permette di utilizzare come serbatoio per l’acqua qualsiasi contenitore, da una bottiglia ad un grosso bidone, a seconda dell’autonomia in giorni che si vuole garantire. Il pannello solare alimenta delle batterie ricaricabili che garantiscono la riserva d’energia necessaria in caso di assenza di sole per diversi giorni consecutivi. Non necessita quindi né di acqua corrente né di elettricità. Il programmatore è completo, e permette di impostare, con due rotelle separate, frequenza di irrigazione e quantità d’acqua erogata da ogni singolo gocciolatore. E’ presente l’essenziale modalità manuale.

Il sistema viene fornito completo di tutto ciò che necessario per la realizzazione dell’impianto, quindi oltre al programmatore/pompa, vengono forniti i tubi capillari, i raccordi e 20 gocciolatori di qualità, che possono essere sufficienti per 20 vasi. L’unica cosa da acquistare a parte sono le due batterie ricaricabili AA: vengono consigliate da almeno 1800 mAh, vi suggeriamo le più adatte nei link in basso. Claber fornisce, come opzione, un pratico ma un po’ costoso contenitore pieghevole da 80 litri, Aqua-Magic Tank, in grado di assicurare un’autonomia di diversi mesi, anche programmando l’irrigazione con frequenza quotidiana. Insomma, Claber Acquamagic System è la soluzione ideale per chi ha la necessità di adottare un sistema di irrigazione automatico, già pronto all’uso, su un balcone o in un giardino dove mancano acqua corrente ed elettricità.

Pro: non serve rubinetto, non serve elettricità, sistema sufficientemente economico e completo di tutto

Contro: il pannello solare richiede una buona esposizione al sole

83,00€
88,90
disponibile
10 nuovo da 83,00€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 13 Agosto 2020 4:29

Il migliore programmatore computerizzato: Claber Tempo Hybrid

Sul mercato si trova una quantità enorme di programmatori d’irrigazione computerizzati, con prezzi estremamente eterogenei. Anche se il Tempo Hybrid costa di più di altre proposte, abbiamo scelto di nuovo un prodotto Claber in quanto offre ottime prestazioni, garanzia di affidabilità, e può funzionare anche con basse pressioni dell’acqua, a partire da 0,2 fino a 12 bar,  permettendo pertanto di utilizzarlo anche con serbatoi a caduta, se sufficientemente grandi. A differenza dei programmatori più semplici, un dispositivo computerizzato permette una gestione della programmazione estremamente flessibile, impostando i tempi esatti di partenza ed interruzione dell’irrigazione, specificando i giorni in cui devono essere osservati, ed avere più programmi in memoria, per poter gestire ad esempio annaffiature differenziate in base alla stagione ed alle condizioni meteo. A queste caratteristiche il Claber Tempo Hybrid aggiunge un piccolo pannello solare per alimentare il sistema, e dispone anche di un vano per una batteria tampone AA (non fornita), per assicurare il funzionamento anche in caso di assenza di sole per periodi prolungati. Non manca il supporto per un sensore pioggia, che permette di interrompere la programmazione se ci sono state precipitazioni. Il sensore si può collegare sia via filo che wireless, con opzioni dal costo ragionevole offerte dalla stessa Claber. Molto interessante il video presente sul sito dell’azienda di Pordenone che fornisce tutte le istruzioni, in italiano, per la corretta installazione.

Pro: estremamente completo

Contro: costo più elevato rispetto ai concorrenti più semplici e meno affidabili

72,00€
84,00
disponibile
9 nuovo da 72,00€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 13 Agosto 2020 4:29

Il migliore sistema di irrigazione automatico meccanico: GF Acquagenius

Un’altra azienda Italiana, GF, con quarantacinque anni di esperienza,  si distingue per questo particolare sistema di irrigazione automatico meccanico, quindi privo di batterie o altri dispositivi elettrici. Si basa su un sistema semplice che permette di far erogare l’acqua ad intervalli di tempo, attraverso tubi separati,  da un serbatoio di 18 litri. È un sistema congegnato per l’utilizzo in terrazzo, ed è necessario che tutti i vasi abbiano un sottovaso, in quanto, sebbene sia presente un regolatore della quantità d’acqua, la quantità in uscita non è programmabile con assoluta precisione, e quindi è molto probabile che ci sarà dell’acqua in eccesso. A differenza degli alti sistemi di irrigazione che abbiamo visto, che nascono per fornire un flusso d’acqua da dividere successivamente attraverso tubi capillari e gocciolatori, Acquagenius ha un erogatore con un uscita singola per ogni tubicino, realizzato con un profilo interno brevettato, per far fluire l’acqua correttamente. La quantità d’acqua erogata è regolabile attraverso una levetta posta nella parte anteriore, che permette di arrivare ad un’autonomia massima di 18 giorni. Il serbatoio va appoggiato a sbalzo su una superficie di appoggio come un piccolo tavolo o una mensola. Il sistema viene fornito di tutto il necessario per realizzare un impianto completo, ci sono quindi anche 30 metri di tubo capillare, da tagliare in pezzi secondo le proprie necessità, e i 16 picchetti per il fissaggio degli stessi in altrettanti vasi.

Pro: sistema semplice e completo

Contro: autonomia limitata dal serbatoio di 18 litri, massimo 16 piante

72,00€
disponibile
9 nuovo da 72,00€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 13 Agosto 2020 4:29

Altre proposte:

39,83€
41,11
disponibile
12 nuovo da 30,00€
Amazon.it
Spedizione gratuita
32,80€
36,00
disponibile
29 nuovo da 29,70€
Amazon.it
39,40€
45,00
disponibile
22 nuovo da 35,50€
Amazon.it
Spedizione gratuita
29,99€
31,90
disponibile
14 nuovo da 29,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
16,55€
17,48
disponibile
24 nuovo da 10,70€
Amazon.it
Spedizione gratuita
16,99€
disponibile
1 nuovo da 16,99€
3 usato da 15,80€
Amazon.it
Spedizione gratuita
14,98€
15,99
disponibile
1 nuovo da 14,98€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 13 Agosto 2020 4:29

Potresti trovare interessanti anche altri articoli dedicati alle piante e accessori utili:

I migliori impianti di irrigazione a goccia da collegare all’irrigatore automatico

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.