Non solo colore, l’henné è un elisir di bellezza per i capelli

henné
Courtesy of©bluebeat76

Questo rimedio naturale ravviva il colore e la lucentezza della chioma senza stravolgerla: i consigli dell’esperto

Chi non ha mai sentito parlare dell’henné? È un’alternativa naturale alla classica tintura molto utilizzata sin dall’antichità per ravvivare il colore della chioma rendendola più lucente e corposa. “L’henné viene ricavato dalla radice di una pianta tintoria (Lawsonia inermis) che viene pestata. Il suo utilizzo sui capelli non prevede un processo di ossidazione, quindi è fondamentale premettere che l’henné (nasce di colore rosso ramato) non tinge ma riflessa”, precisa Daniel Maltoni, titolare di Blow Hair Salon, salone iscritto a Uala.

Pro e contro dell’henné

L’henné non serve però solo per ottenere riflessi vibranti: “Ha un’azione curativa e trattante sia per il cuoio capelluto che per i capelli. Dona inoltre un effetto molto luminoso e serve a regalare volume a chi ha i capelli sottili. L’henné puro è un pigmento molto resistente ed è quindi difficile da eliminare. È perfetto per creare tonalità calde, mentre è impossibile raggiungere tonalità fredde e bisogna considerare che, a differenza di una colorazione, non si può mai conoscere con assoluta precisione l’effetto finale”, evidenzia l’hair stylist.

A chi si addice? “Si può utilizzare su ogni tipo di capello, benché l’effetto volumizzante lo renda sconsigliabile a chi ha i capelli molto spessi. È perfetto per gli amanti dei colori sfaccettati e non piatti perché, essendo appunto un riflessante, rispetta ed esalta il colore dei capelli”, spiega l’esperto.

Che dire dei capelli bianchi? “Proprio perché è scorretto parlare di colorazione, non possiamo neanche parlare di copertura dei capelli bianchi. Sui rossi, ramati e biondi, otticamente copre i capelli bianchi, soprattutto se lasciato in posa a lungo in modo da fargli prendere intensità. Sui castani, invece, non riesce a coprire i capelli bianchi a meno che non venga mischiato con elementi chimici che consentano di raggiungere quel risultato”, precisa Maltoni. La Lawsonia inermis si può miscelare ad altre erbe tintorie come ad esempio l’Indigofera tinctoria (henné nero), ideale per riflessare basi castane o scure e alla Cassia Obovata (henné neutro) che, invece, non ha proprietà coloranti ma nutre e lucida la chioma. “L’unica accortezza è quella di rivolgersi a un professionista nel caso in cui si ricerchi un effetto particolare e serva quindi miscelare tonalità diverse”, suggerisce l’esperto.

Come fare l’henné in casa

L’henné si può utilizzare in casa ma, per ottenere un risultato soddisfacente, è bene prestare attenzione alla procedura e alle caratteristiche del prodotto prescelto: “Ne esistono vari tipi ed è importante verificare la temperatura dell’acqua con la quale creare la miscela. Alcune tipologie, ad esempio, performano solo a 80 o 100 gradi. Il composto deve poi riposare in modo da applicarlo sulla cute a una temperatura sopportabile. La consistenza non deve essere né troppo liquida né troppo densa in modo da rendere l’applicazione fluida. Il capello va completamente immerso nella miscela: deve essere saturo di prodotto.

La giusta quantità? Deve essere circa il doppio di quella che si calcola per una tintura tradizionale. Il risciacquo deve essere fatto in modo molto accurato e con acqua ben calda perché l’henné tende a rimanere sulla cute”, conclude l’esperto. Ecco il necessaire per dare nuova luce ai capelli.

Phitofilos – henné rosso

Una miscela di Lawsonia inermis e Cassia Obovata quella proposta da Phitofilos – marchio di fitocosmesi – per ravvivare i capelli dalla base chiara (biondi o castani) con sfumature dorato-ramate. Risulta utile anche in caso di capelli decolorati con colpi di sole e mèches in quanto, se spenti, ne ripristina la lucentezza. Il risultato? Decisamente naturale.

Khadi – henné puro

Questa polvere di Lawsonia pura (100 % naturale), permette di ottenere capelli lucenti, corposi e morbidi. In termine di riflessi, il risultato varia a seconda del colore di partenza: si va da sfumature rosso-aranciato per le basi chiare a quelle rosso intenso, invece, per quelle più scure. L’henné puro, inoltre, può essere miscelato con altre polveri vegetali.

Umitivi – kit colorazione

A casa come dal parrucchiere: per ottenere risultati professionali è necessario munirsi degli strumenti del mestiere. Questo kit contiene tutto ciò di cui si ha bisogno per una tinta a regola d’arte come vaschette e pennelli di varie dimensioni e ancora pettini e fermagli per facilitare la stesura del prodotto. Non mancano inoltre gli accessori per evitare macchie indesiderate ovvero le protezioni per le orecchie, dei guanti e una mantella.

Altri suggerimenti:

Leggi anche:

Capelli tinti? Ad ogni colore il suo shampoo

Capelli colorati, come ravvivare la brillantezza

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.