Hard disk esterno: perché non puoi fare a meno del backup

hard disk esterno

Sapevi che esiste una Giornata mondiale del backup?
Il World Backup Day (WBD) cade proprio oggi, giovedì 31 marzo, ed è stato istituito per focalizzare l’attenzione sull’importanza di avere un sistema di backup periodico per il salvataggio dei propri dati.
Al giorno d’oggi stiamo vivendo in un periodo di in un’epoca di digitalizzazione e dematerializzazione: se una volta si conservava tutto su supporto cartaceo, al giorno d’oggi la maggior parte delle informazioni importanti viaggia sotto forma di dati.

 

Backup: cos’è e come si fa

Il backup è la duplicazione di una file o di un insieme di file: una copia di sicurezza su un supporto esterno al computer o su un cloud. Possiamo salvare foto, documenti, conversazioni avvenute su app di messaggistica, video…
Sembra un’operazione ovvia ma in realtà la percentuale di persone che si preoccupa di effettuare backup regolari è ancora molto bassa.

 

Perché un backup è fondamentale

Possedere un backup sembra superfluo fino a quando non ci accade di perdere accidentalmente dei dati e di accorgerci che non c’è alcuna possibilità di recuperarli. Questo può accadere per:

  • un attacco informatico o un furto di dati
  • un guasto dell’hardware (es: computer)
  • un errore umano
  • un virus/malware
  • lo smarrimento del dispositivo (es: cellulare)

Se per un privato è importante, per un’azienda il backup è fondamentale, a causa dell’elevata mole di informazioni amministrative e commerciali che non possono essere smarrite.
Il loro recupero, che viene svolto da ditte specializzate, è spesso molto costoso a livello economico e non sempre si riescono a ripristinare le informazioni perdute nella loro totalità.

 

Come si fa un backup: hard disk esterno o cloud?

Il modo più semplice per fare un backup è dotarsi di un buon hard disk esterno (meglio ancora se due) e salvare periodicamente i file al suo interno.
L’alternativa è salvare i dati in un cloud, cioè uno spazio virtuale in un server esterno (esistono diversi servizi base, per aumentare lo spazio è necessario pagare delle tariffe).

La regola del 3-2-1

Hassan Metwalley è il fondatore di Ermes Cyber Security, una società startup nata nel Politecnico di Torino. Sul tema del salvataggio dei dati ha inventato una regola tanto semplice quanto interessante, chiamata la regola del 3-2-1.
Che cosa afferma? Che per effettuare un buon backup è necessario:
– salvare i file 3 volte
– usare 2 diverse tecnologie
– conservare 1 copia di backup in un ambiente esterno rispetto a quello in cui si usano i dati salvati

 

Vediamo ora alcuni tra i migliori hard disk esterni per il salvataggio dei dati:

Tutti i prodotti presenti in questo articolo sono stati selezionati dalla redazione in modo accurato: nella scelta valutiamo la qualità del prodotto, il prezzo e le recensioni dei clienti.
Ci affidiamo solo a venditori autorizzati premium che effettuano la spedizione gratuita.
Gli acquisti sono coperti dalla Garanzia cliente eBay, che ti assicura un rimborso veloce in caso di reso del prodotto. Ti ricordiamo infine che acquistare su eBay è semplice e puoi farlo senza registrarti al sito.

 

Toshiba HDTB310EK3AA
(capacità di archiviazione: 1 TB)

Western Digital ELEMENTS DESKTOP USB 3.0 WDBWLG0040HBK-EESN
(capacità di archiviazione: 4 TB)

Hard Disk Esterno LaCie Rugged Mini 2,5”
(capacità di archiviazione: 4 TB)

Digital My Passport hard disk esterno 2,5″ USB 3.0 WDBS4B0020BBK
(capacità di archiviazione: 2 TB)

 

Seagate STHN1000400 Hard Disk Esterno USB tipo-C Nero
(capacità di archiviazione: 1 TB)

Potresti leggere:
Poco spazio sul PC? La soluzione dell’hard disk esterno

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.