Smart working a prova di benessere: la guida completa per stare comodi al desk

Donna seduta alla scrivania
iStock

Dalla scelta del tipo di scrivania fino agli imperdibili oggetti tecnologici e senza dimenticare la ginnastica da scrivania. Ecco come stare bene lavorando da casa

Un monitor poco illuminato, una sedia scomoda o una mail che non si legge bene dallo schermo, sono fattori che peggiorano la qualità dello smart working. A dirlo è l’esperienza comune ma anche un’indagine Eurispes. Lo studio sottolinea come oltre un terzo degli intervistati (ben il 34,9%) abbia avuto difficoltà di carattere pratico trovandosi a disposizione strumenti inadeguati o insufficienti. Per questo è fondamentale che il lavoro da casa sia a prova di benessere; intendendo con questa espressione tutte le dimensioni dello stare bene di fronte alla scrivania. Dall’arredamento scelto per lavorare, alle buone abitudini che allontanano i doloretti di cattiva postura, fino al make-up per non dimenticare la relazione con se stessi e con i colleghi, sono tanti gli aspetti che strappano un sorriso. Come pianificare quindi il lavoro da casa? Abbiamo stilato una guida utile affinché comfort e buonumore siano ingredienti fondamentali della giornata. Ecco alcune idee. 

Sedie e supporti per schiena, mani e piedi

Mantenere la stessa posizione per molte ore può dare luogo a contratture, problemi muscolari e in generale a eccessivi carichi per la zona lombare e dorsale. Quindi è opportuno che la seduta sia comoda. Più una sedia è accessoriata e modulabile, maggiore è il comfort. Elementi come il poggiatesta, il cuscino, e la regolabilità dell’altezza e dell’inclinazione danno la capacità di adattarsi al tipo di lavoratore e alle sue abitudini. Tuttavia esistono anche ausili importanti ma ridotti nell’ingombro come poggiapiedi e poggiapolso che aiuteranno a non sentire troppo sovraccarico sulla muscolatura complessiva.

Dal modello a U allo standing desk

Impossibile poi non parlare del tipo di scrivania. Si può optare per una struttura a L, se per esempio si hanno tanti documenti da poggiarvi sopra, o orientarsi sulla scelta inclinabile se c’è bisogno di disegnare, mentre con la forma a U si tengono d’occhio più monitor. Anche l’altezza è un parametro sensibile. Infatti c’è chi ama lavorare in piedi e per questo gli standing desk sono davvero insostituibili. Dopo aver pensato al piano orizzontale e alla sua forma, bisogna preoccuparsi anche delle cassettiere utili per tenere i documenti lontani da occhi indiscreti. Tra rotelle e modelli fissi, valutate la quantità di peso che ospiteranno e quanto gradirete tenerle fisse o mobili.

I must have tecnologici

Oltre alla struttura è importante curare gli aspetti tecnologici per una scrivania adatta allo smartworking. Dai monitor agli ultrabook, i pc portatili e sottili, ai modelli senza cavi e hardware, c’è una macchina calcolatrice per ogni necessità. Altra attenzione è quella da riservare al mouse. Dai modelli verticali a quelli mini, passando per la scelta del ‘pad’ più adatto per farlo scorrere, non si può rinunciare all’oggetto tecnologico. Tuttavia la tecnologia è di supporto anche a tutto ciò che non è strettamente legato all’interazione con lo schermo. Per esempio stando a lungo seduti si può avvertire una sensazione di freddo e intorpidimento. Per questo esistono alcuni oggetti che riscaldano come i guanti o sedie che emanano calore. Dal digitale si passa poi all’analogico, perché la cartoleria con i suoi colori e le sue grafiche è ancora molto utile per tenere a mente obiettivi e compiti. Dagli evidenziatori ai mini cestini da scrivania passando per le penne, accumulare fogli e matite è anche un modo per colorare la propria scrivania. Utilissima anche l’agenda da tavolo; un foglio A4 dove sarà possibile appuntare tutti gli impegni in maniera portatile-

Gli esercizi per alleviare i fastidi

Tuttavia anche quando la postura è giusta è opportuno alzarsi ogni tanto e fare stretching in modo da evitare fastidiosi doloretti. Non bisogna nemmeno dare tutto da soli perché si può contare su alcuni accessori che migliorano il movimento. Pedaliere, palline anti-stress e pesetti supportano un po’ di ginnastica senza eccessive torsioni. Altra fonte di serenità arriva dal settore beauty. La cosmetica suggerisce alcuni trucchi sia per sentirsi belle, sia per apparire più luminose in caso di una call. Rossetti, ciprie e un buon correttore fanno la differenza sul viso, mentre i capelli risultano subito ordinati grazie a mollette e code basse. Piccoli gesti che però fanno del nuovo lavoratore un lavoratore più felice.

 

 

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.