Gli imperdibili del Commissario Montalbano

Montalbano
Courtesy of Amazon

Diventati un vero e proprio fenomeno letterario in evidenza 10 titoli che vedono protagonista l’ inossidabile, affascinante e integerrimo commissario di Vigata, Salvo Montalbano

Dal 1999, anno di messa in onda del primo episodio “Il ladro di merendine”, Montalbano, il Commissario inventato dalla magica penna di Andrea Camilleri, interpretato da Luca Zingaretti, è diventato amico imprescindibile del pubblico di Rai1, conquistando ad ogni film nuovi spettatori e consensi unanimi. Il successo della fiction non si è fermato all’Italia, ma è stata, inoltre, la prima serie italiana venduta all’estero e negli anni è stata trasmessa in oltre 60 paesi tra Europa e resto del mondo. La serie ha ottenuto un ottimo successo di pubblico anche in paesi molto diversi per audience come la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Per tutti coloro che amano leggere ecco 10 titoli dei più celebri romanzi di Camilleri diventati un vero e proprio fenomeno letterario in Italia e non solo.

Il commissario Montalbano. Le prime indagini: La forma dell’acqua-Il cane di terracotta-Il ladro di merendine

In questo volume sono raccolti i primi tre polizieschi con il commissario Montalbano protagonista. “La forma dell’acqua”, il primo celeberrimo caso di Montalbano. Un commissario che indovina la pista giusta per affinità ambientale. Ne “Il cane di terracotta”, un delitto di mafia a Vigàta, sembra celarne un altro conturbante e rituale: i cadaveri di due amanti nel doppio fondo di una grotta. Sorvegliati, come un sepolcro arcaico, da un grande cane di terracotta. Ne “Il ladro di merendine”, c’è un legame tra due cadaveri: quello di un tunisino annegato e quello di un commerciante di vino di Vigàta accoltellato dentro l’ascensore.

{{title}}

In evidenza: Per iniziare

Scopri il prodotto su Amazon

Ancora tre indagini per il Commissario Montalbano

Il metodo del commissario più celebre d’Italia si affina: annusare, raccogliere, intuire, collegare, simpatizzare e antipatizzare. In questo volume. La voce del violino: Una giovane che vive in periferia, un artista appartato, un assassinio. A collegarli, un prezioso violino, scopre Montalbano, la cui vita privata si complica e la cui tranquillità vacilla perché c’è una decisione da prendere. La gita a Tindari: Un triplice omicidio è avvenuto, un dongiovanni che vive al di sopra dei suoi mezzi e due anziani. Montalbano indaga tra i vecchietti. Indimenticabile e leggendaria la galleria dei pensionati in gita al santuario. L’odore della notte: “Sì, a seconda dell’ora la notte cangia odore”. Un caso anomalo, in cui il cadavere spunta in un secondo tempo e Montalbano si intrufola non essendo titolare dell’inchiesta: la scomparsa di un finanziere truffatore che sembra uscito dalle cronache. Mentre Augello si sposa e il commissario si sente vecchio.

{{title}}

In evidenza: Secondo volume delle inchieste di Montalbano

Scopri il prodotto su Amazon

Un mese con Montalbano

Trenta crimini da risolvere. Delitti d’amore, d’interesse, di mafia, frutto di ambizione, di esaltazione, di esplosivo furore o di logorante quotidianità. Trenta indagini alla ricerca di una giustizia che il commissario Montalbano si sforza di perseguire nel cuore della Sicilia.

{{title}}

In evidenza: Un crimine al giorno

Scopri il prodotto su Amazon

La rete di protezione (Il commissario Montalbano)

Vigàta è in subbuglio: si sta girando una fiction ambientata nel 1950. Per rendere lo scenario quanto più verosimile la produzione italo-svedese ha sollecitato gli abitanti a cercare vecchie foto e filmini. Scartabellando in soffitta l’ingegnere Ernesto Sabatello trova alcune pellicole, sono state girate dal padre anno dopo anno sempre nello stesso giorno, il 27 marzo, dal 1958 al 1963. In tutte si vede sempre e soltanto un muro, sembra l’esterno di una casa di campagna; per il resto niente persone, niente di niente. Perplesso l’ingegnere consegna il tutto a Montalbano che incuriosito comincia una indagine solo per il piacere di venire a capo di quella scena immobile e apparentemente priva di senso.

{{title}}

In evidenza: Per gli amanti dei vecchi film

Scopri il prodotto su Amazon

La giostra degli scambi (Il commissario Montalbano)

La giornata comincia storta per Montalbano: intervenuto per sedare una rissa sulla spiaggia di Marinella ha colpito l’uomo sbagliato e poi, scambiato per uno degli aggressori, viene fermato dai carabinieri. Infine scopre che Adelina ha scambiato un galantuomo per ladro e gli ha sbattuto in testa una padella…

{{title}} In evidenza: Una giornata no

Scopri il prodotto su Amazon

Morte in mare aperto e altre indagini del giovane Montalbano

“Sono otto le ‘mosse’ narrative che Camilleri si concede lungo le otto colonne e le otto traverse della sua geometrica scacchiera del racconto: tra i quattro lati del libro, e nell’ordine chiuso di un romanzo-matrioska che dentro di sé inclina, procedendo di racconto in racconto, di tensione in tensione, sull’asse unico dell’attività investigativa del commissariato di Vigàta.

{{title}}

In evidenza: Un giallo matrioska

Scopri il prodotto su Amazon

La luna di carta (Il commissario Montalbano)

«L’idea di ‘La luna di carta’ mi venne in mente dopo un incontro fortuito con un amico che non vedevo da trent’anni il quale mi raccontò d’avere scoperto un giorno che tanto Anna, sua moglie, quanto Giulia, la giovane amante, non solo avevano fatto conoscenza ed erano diventate amiche, non solo lo tradivano sistematicamente con altri, ma l’ingannavano quotidianamente mentendo su tutto, anche sulle cose più ovvie, così, per il puro piacere di ridere poi alle sue spalle. Allora mi chiesi: e se mettessi il commissario Montalbano nella condizione di trovarsi in mezzo a due donne egualmente astute e dalle quali si sente fortemente attratto?» (Andrea Camilleri).

{{title}}

In evidenza: In mezzo tra due donne

Scopri il prodotto su Amazon

Notte di Ferragosto

C’è un morto sulla spiaggia con una siringa in vena: Montalbano, con Livia a Vigàta per il Ferragosto, non è convinto si tratti di overdose ma sospetta una montatura.

{{title}}

In evidenza: Tratto dall’antologia ‘Ferragosto in giallo’

Scopri il prodotto su Amazon

Una voce di notte (Il commissario Montalbano)

Come sempre nei gialli di Camilleri due storie si rincorrono, si incrociano, si separano e poi tornano a intrecciarsi. E Montalbano questa volta, alle prese con uno strano furto ad un supermercato e con l’omicidio di una ragazza, si trova a giocare duro: stretto da un lato dai superiori che dicono e non dicono, dall’altro dal giudice che non la vede come lui, infine dall’opinione pubblica guidata da Televigàta, decide di intervenire in prima persona gettando a mare problemi di coscienza e sensi di colpa.

{{title}}

In evidenza: Una scomoda verità

Scopri il prodotto su Amazon

La pazienza del ragno (Il commissario Montalbano)

‘La pazienza del ragno’ mi è stato letteralmente suggerito dall’aver visto un ragno tessere la sua tela tra un ramo e l’altro di un castagno ultracentenario. E fu proprio mentre l’osservavo che nacque in me il progetto di un romanzo la cui idea portante fosse appunto la tessitura di una sorta di tela di ragno appositamente congegnata per farvi intrappolare la vittima designata. Mi proposi cioè di scrivere un romanzo poliziesco senza omicidi o fatti di sangue, ma con la distruzione sociale di un individuo raggiunta attraverso una macchinazione di raffinata intelligenza» (Andrea Camilleri).

{{title}}

In evidenza: Suggerito dala tela del ragno

Scopri il prodotto su Amazon

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.