Ferma tovaglioli in acciaio, con foglie o strass: in tavola c’è fantasia

Anello lega tovagliolo su tovagliolo a righe
iStock

Come esaltare l’apparecchiatura partendo da un oggetto minimale ma utile

“Se vogliamo bene a qualcuno, preparare una buona cena è un modo splendido per dirglielo”. Così scrive il noto chef Antonino Cannavacciuolo. E se la tavola è il palcoscenico dove servire l’affetto, i ferma tovaglioli sono parte fondamentale della scenografia. Se per cene  informali tra amici per praticità si possono utilizzare i classici porta tovaglioli, quando si vuole apparecchiare con cura, meglio usare lacci, fermagli, fibbie, che insieme a piatti, bicchieri, segnaposto, aiutano a personalizzare la tavola.

Così il pasto diventa un po’ il riflesso dei gusti della padrona di casa, o in alcuni casi, lo specchio di quanto vuole coccolare gli ospiti. Per questo è importante giocare con l’immaginazione e con le forme del lega tovaglioli. In modo che l’esperienza del cibo parta anche dallo sguardo prima che dal gusto e dall’olfatto.

Come scegliere il ferma tovaglioli più adatto? Innanzitutto bisogna partire dal mood della tavola. Un’apparecchiatura raffinata con molte sfumature metalliche, come oro e argento, può proseguire in questa direzione anche per gli accessori. Quindi sì a materiali lucidi condensati sia in forme semplici, come i cerchi, sia in quelle più elaborate come foglie o anelli con strass. Se invece si è di fronte a una tavola semplice, magari anche campagnola, dominano materiali e colori naturali. Legno, juta, oppure una moderna e futuristica plastica colorata. Infine attenzione a non cadere sui fondamentali: secondo il galateo il tovagliolo va a sinistra delle forchette. Così, una volta stabilite le regole fondamentali, si può giocare con la fantasia per quanto riguarda l’estetica. Ecco alcune idee per voi.

Ferma tovaglioli: gli accessori moderni di Dag Style

Un oggetto pratico, che si chiude in un solo gesto e dall’animo sportivo. Infatti si adatta molto bene alle apparecchiature più semplici. Punto di forza del set è la varietà dei colori e la fattura a prova di facile pulizia; basta un panno per rimuovere aloni e sporco.

Il metallo di Alessi

Porta tovaglioli di design progettati da Stefano Giovannoni e Guido Venturini che si caratterizzano per l’impronta iconica e originale. Sul dorso dell’accessorio trovano posto forme differenti dal fiore al gatto e possono essere abbinate in varie combinazioni. Inoltre il materiale è resistente e quindi regge bene all’usura del tempo e alla comparsa di macchie.

L’estro di Robako

Anelli con motivo a foglia e rivestiti di metallo. La struttura rigida aiuta a tenere il tovagliolo ben fermo e sicuramente essa non passa inosservata in quanto a originalità. Attenzione solo a calibrare bene l’accessorio con il resto della tavola per evitare di strafare sull’estetica.

Altri suggerimenti:

Ultimo aggiornamento il 17 Settembre 2021 8:44

 

 

 

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.