Come migliorare la propria posizione lavorativa: alcuni consigli

come migliorare la propria vita lavorativa

Crescere nel lavoro, aumentando le proprie competenze e abilità, è fondamentale. Imparare nuove cose e diventare insostituibili per la propria azienda spezza la monotonia di un lavoro ripetitivo e permette di fare carriera. Ma quali sono le qualità più apprezzate da risorse umane e dirigenti? Scopriamolo insieme

 
Migliorare le proprie abilità e aggiornare costantemente il proprio curriculum è imprescindibile per chiunque si affacci o sia già nel mondo del lavoro. Anche se già si ha un impiego è importantissimo rimanere al passo con nuove tecnologie e nuovi metodi di lavoro. Imparare continuamente secondo il modello del life-long learning può portare a quel salto di qualità nel mondo del lavoro tanto auspicato.

Diventare un pilastro per la propria azienda è la soluzione per ambire ad avanzamenti di carriera e per ricoprire ruoli più prestigiosi e meglio retribuiti. Ma quali sono le cosiddette “skills” che fanno fare questo passo di qualità?
 

Conoscenza approfondita di una o più lingue

 
Anche se la propria azienda opera in un contesto locale o nazionale, è consigliato conoscere o perfezionare quante più lingue possibile. La prima lingua da conoscere è ovviamente l’inglese, in quanto molti lemmi italiani inerenti al mondo del lavoro provengono proprio da lì. Conoscere l’inglese, poi, aiuta a comprendere articoli di settore e saggi specialistici non ancora tradotti in italiano.

La globalizzazione delle conoscenze è infatti uno dei cardini della cosiddetta Industria 4.0, in cui la digitalizzazione ha un ruolo fondamentale. Questa è la ragione per cui imparare l’inglese, o perfezionare la conoscenza scolastica e superficiale, diventa imprescindibile. Il nostro consiglio è quello di iscriversi a un corso di inglese online, in modo da poter conciliare lavoro e formazione.
 

Partecipare a eventi di settore: creare un network di contatti

 
In ogni professione l’unione fa la forza. Conoscere sempre più colleghi provenienti da altre esperienze lavorative, aiuta ad ampliare i propri orizzonti e migliorare la qualità del lavoro svolto. Imparare dal vissuto lavorativo dei colleghi è in realtà molto semplice: partecipare a eventi di settore è il metodo più tradizionale, ma anche social dedicati al mondo del lavoro come LinkedIn fanno la loro parte.

Avere un profilo ben aggiornato e curato su LinkedIn permetterà di creare una rete professionale e di attrarre l’attenzione di dirigenti e responsabili HR.
 

Porsi degli obiettivi graduali

 
Avere consapevolezza di sé e degli obiettivi da raggiungere è il primo passo per ambire ai cambiamenti tanto desiderati. È importante non lasciarsi trascinare dal lavoro, ma capire a che punto della propria esperienza lavorativa si è arrivati, quali sono le prospettive future e qual è la politica dell’azienda sugli avanzamenti di carriera.

Dopo un primo periodo di assestamento all’interno di un nuovo team bisogna iniziare già a porsi degli obiettivi a breve, medio e lungo termine. Stabilire dei punti fermi aiuta anche a capire se il proprio obiettivo è inconcludente o poco realizzabile. In tal caso si potrà optare per soluzioni di compromesso in tempo utile. È quindi questa la miglior strada per trarre la massima soddisfazione dalla propria attività lavorativa e ambire ai traguardi più prestigiosi.

 

 

 

 

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.