Campania, la culla dei pomodori

Pomodori
©iStockphoto

Grazie alle numerose varietà e agli infiniti utilizzi in cucina, i pomodori sono una delle colture da orto più apprezzate

I pomodori sono diventate una delle più importanti colture da orto di cui sono state selezionate numerose varietà. Dalle origine ai tempi dei Maya e degli Aztechi fino ai giorni nostri le piante si sono adeguate ai più diversi climi e terreni. Quest’ultimo è ideale se sciolto, drenante, privo di ristagni d’acqua e ricco di nutrimenti e sostanza organica. Dal pomodoro a ciliegina fino al cuore di bue, dal classico pomodoro da salsa agli stravaganti pomodori neri, è un tipo di verdura che non stufa mai. Grazie alle sue numerose varietà e ai mille utilizzi che trova in cucina.

I pomodori in Campania sono prodotti divenuti ormai simbolo della regione. Qui si contano infatti ben quattro centri vulcanici (Roccamonfina, Campi Flegrei, Ischia e il Vesuvio) che rendono la maggior parte del territorio costiero adatto alla coltivazione di frutteti, vigneti e soprattutto di ortaggi. Vi crescono diverse specie di pomodori, tra cui le principali sono pomodoro San Marzano Dop, pomodorino del Piennolo del Vesuvio Dop, pomodoro di Sorrento e pomodoro Corbarino.

Oggi il mercato italiano dei pomodori conta su un’ampia gamma di prodotti suddivisi in diverse categorie. C’è il concentrato di pomodoro, che si ottiene attraverso la concentrazione di differenti succhi di pomodoro del suo residuo secco. I pelati, pomodori del tipo lungo, ai quali viene tolta l’intera buccia e viene poi aggiunto del succo di pomodoro semi-concentrato. La passata, ovvero un prodotto che si realizza tramite i pomodori pelati e poi tagliati a cubetti.

A questi si affiancano i sughi pronti che si differenziano per la lunga lavorazione che prevede generalmente l’aggiunta di altri ingredienti. I pomodori secchi, che si ottengono dalla lavorazione di pomodori molto maturi, che poi vengono tagliati in due parti ed essiccati al sole, dopo essere stati completamente cosparsi di sale. E ancora la salsa e il capuliato, una conserva di pomodoro che si realizza attraverso i pomodori secchi ben tritati e poi conditi.

Si possono scegliere comodamente i prodotti più adatti alle nostre esigenze culinarie dando uno sguardo ai suggerimenti qui sotto.

La Rusolillo – Maxi degustazione salse e sughi

Scatola degustazione che contiene 15 vasi di passata di datterino giallo Biologico 360gr; 12 bottiglie di passata di datterino 330gr; 15 vasi di datterino Biologico 360gr; 15 vasi di Spaccatelle di pomodoro 360gr; 12 vasi di passata di pomodoro rustica con basilico 680gr; 2 vasi di Pomodorino del Piennolo del Vesuvio DOP 360gr. La Russolillo produce le sue conserve di pomodoro ricalcando fedelmente l’antica usanza campana, quando la famiglia si riunisce per preparare insieme conserve di pomodoro da mettere in dispensa ed utilizzare tutto l’anno.Per riportare in tavola solo il sapore vero del pomodoro, questo viene raccolto a mano e lavorato entro le 24 ore per poi essere pastorizzato a bagnomaria, consentendogli di conservare intatte le proprietà organolettiche.

 

Valgrì – Polpa di pomodoro biologica

Cuore di polpa di pomodori a cubetti venduto in cartone da 12 pezzi. I prodotti Valgrì sono sinonimo di tradizione, tipicità e territorio. Custodiscono tutto ciò che di più buono le terre campane hanno da offrire: l’energia del sole, la brezza del mare, la ricchezza della terra e la freschezza del vento. A cui si unisce la passione della famiglia Coppola per la terra e i suoi frutti che si tramanda da quattro generazioni. Tutto è nato dalla coltivazione di pochi terreni che, lavorati con costanza e devozione, hanno regalato prodotti saporiti e genuini. Nel 1992 nasce il marchio Valgrì che in breve tempo si afferma sul mercato come sinonimo di qualità e tradizione.

 

Coppola – Pomodori San Marzano DOP

Confezione di 12 barattoli da 400 gr. I pomodori San Marzano dell’Agro Sarnese – Nocerino Dop sono molto dolci con un livello di acidità molto basso ed hanno un gusto ricco e una polpa succosa. Questa combinazione li rende la scelta preferita dai più famosi chef e pizzaioli italiani e internazionali. Risultano ideali per la preparazione di sughi, pizze e zuppe o semplicemente come condimento nel pane con un filo d’olio extra vergine d’oliva e un pizzico di sale. Sono pomodori coltivati e confezionati stagionalmente in Campania nella zona tra le province di Napoli, Salerno e Avellino, note per il suo terreno vulcanico fertile, la falda acquifera e il microclima mediterraneo ideale.


Altri suggerimenti:


Leggi anche:

Non solo salsa: come conservare i pomodori freschi

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.