Cicloturismo? La borsa da bici è indispensabile

bici con borsa
istockphotos

Se avete intenzione di partire per un viaggio on the road (a pedali) vi occorre l’equipaggiamento giusto. A partire dalla borsa

Una vacanza slow, ecologica, a contatto con la natura. Che permette di conoscere un territorio in modo davvero immersivo e, allo stesso tempo, offre una meravigliosa opportunità di testare i propri limiti, le proprie possibilità. Partire per un viaggio in bicicletta è un’esperienza intensa, indimenticabile e, chi l’ha fatta, garantisce che si torna diversi da come si è partiti (leggete in questo articolo come prepararsi all’avventura). Non parliamo di ‘fare dei giri in bicicletta’ durante le vacanze, ma di scegliere i pedali come mezzo di locomozione unico del viaggio. Tra colline, valli fluviali, montagne (se si è particolarmente allenati), e piccole località di ristoro, macinando chilometri suddivisi in tappe indimenticabili.

Se l’idea del cicloturismo fa capolino tra i piani per le vacanze estive, fate bene a darle una chance: è un modo sano e meraviglioso di scoprire il mondo, o almeno una porzione di esso. Adeguate il percorso alle vostre capacità naturalmente, studiate bene tutte le fermate intermedie, leggete i consigli dei ciclisti più esperti, preparatevi fisicamente. Ed equipaggiatevi a dovere: il viaggio in bicicletta necessita di un bagaglio molto mirato. Deve contenere l’indispensabile per non gravare inutilmente sul carico da trasportare, avere tutto il necessaire sia per le esigenze personali che per quelle della bici stessa (un kit per la riparazione, camere d’aria di ricambio). Se si opta per le tappe in campeggio, occorre anche pensare all’occorrente per la notte. Insomma, bisogna preparare un bagaglio mirato. E, per farlo, è bene partire dal contenitore: issare sul portapacchi una borsa da bicicletta, che distribuisca il peso equamente a destra e sinistra, senza impedire i movimenti, è la soluzione. Ve ne proponiamo alcuni modelli.

Borsa Vaude

Questo modello è ideale per viaggi di diversi giorni. Con una capienza di 68 litri, distribuiti su 3 scomparti a loro volta suddivisibili per un’organizzazione perfetta, permette di portare con sé una piccola casa mobile agganciata al porta pacchi posteriore. Lo scomparto superiore si può staccare e diventa un comodo zaino. Realizzata in materiali leggeri e durevoli, è impermeabile, ed è dotata di un piccolo scomparto in mesh sulla parte superiore dove si possono eventualmente riporre accessori bagnati. Inoltre, è dotata di fettucce per assicurare il sacco a pelo esternamente. Il tessuto ha degli utilissimi inserti catarifrangenti. Per chi non vuole farsi mancare nulla e desidera avere ampio spazio per il proprio equipaggiamento. Si può caricare fino a 20 chilogrammi di peso.

Borsa Selighting

Anche questo modello si aggancia al porta pacchi posteriore, ma la sua capacità è inferiore a quello precedente (25 litri). Perfetto per weekend in bicicletta, o viaggi che non richiedono attrezzatura da campeggio ma solo il necessario. In PVC ultra resistente, impermeabile, si può trasformare in borsa a mano quando necessario, e il sistema di aggancio e sgancio a scorrimento la rende semplicissima da smontare. La chiusura superiore si può arrotolare, soluzione ideale per aumentare o diminuire il contenuto. Anche in questo caso degli inserti catarifrangenti sono presenti per aumentare la sicurezza del ciclista. Attenzione, si tratta di una sola borsa, che si aggancerà ad un solo lato della bici.

Zaino per portapacchi Verstat

Una soluzione differente per questa borsa da bicicletta concepita come un normale zaino dotato di cinghie (con chiusura in velcro) che si agganciano al portapacchi. Naturalmente è molto semplice sfilarla dalla bici e renderla uno zaino da passeggio. I modelli sono quattro e hanno dimensioni – e quindi capacità differenti, ma in generale si tratta di una borsa per viaggi brevi o weekend. O magari per avere con sé un bagaglio extra facilmente removibile. Impermeabile e resistente.

Altri suggerimenti:

Ultimo aggiornamento il 4 Luglio 2020 23:26
Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.