BodyBoard: il modo più facile di cavalcare le onde

Un uomo cavalca un onda sul suo bodyboard
Raul_Mellado/iStock

Grazie al bodyboard, surfare è alla portata di tutti. Se amate il mare e volete domarne le onde, abbiamo qualche consiglio per voi.

Il bodyboard è uno sport acquatico che viene da molto lontano. Pare che gli indigeni polinesiani cavalcassero le onde del Pacifico direttamente con il corpo. Nel XVIII secolo, il capitano Cook vide gli hawaiani usare le prime tavole, con cui surfavano inginocchiati o sdraiati sulla pancia. Solo negli anni ’70, però, il bodyboard divenne lo sport che conosciamo oggi.

Il principio è quello del surf: c’è una tavola, ci sono le onde e ci siete voi. Ma la tavola è corta e ci si può stare sdraiati o inginocchiati, senza grandi sforzi di equilibrismo. Per divertirsi con il bodyboard non servono i cavalloni dell’Oceano, il bello è proprio cavalcare onde di dimensioni più contenute, spostandosi da una cresta all’altra con l’aiuto di pinne corte. In pratica, è un’attività che permette a tutti, adulti e bambini, di sentirsi un po’ come in Point Break, senza essere Patrick Swayze o Keanu Reeves.

Anche i benefici psico-fisici del bodyboard non sono da poco, perché rafforza l’autostima e allena braccia, gambe, glutei e addome.

Come tutte le attività sportive, anche il bodyboard può essere praticato a diversi livelli. Per questo esistono varie tipologie di tavole.

Bodyboard per bambini

Per i ragazzi dai 6 ai 12 anni sono consigliate tavole leggere, perché più facili da maneggiare e portare sotto braccio. I modelli soft-top, che hanno la parte superiore morbida, sono un’ottima scelta per evitare che i bambini si facciano male urtando la parte superiore del bodyboard, quando questo “rimbalza” sulle onde. Per i più piccoli, invece, esistono delle versioni gonfiabili che aiutano il galleggiamento. In ogni caso, è importante che ci sia il cordino di sicurezza che non fa sfuggire via la tavola in caso di caduta.

Bodyboard per principianti

In genere, le tavole da bodyboard sono realizzate in EPS (Polistirene espanso), materiale leggero ma molto resistente. I principianti che si avvicinano a questo sport devono tener presenti alcune caratteristiche. Una punta arrotondata facilita il divertimento anche in caso di onde piccole, che sono proprio quelle che i neofiti sfruttano di più. Anche la larghezza della tavola è importante: un bodyboard più largo è più facile da gestire in acqua.

Bodyboard per esperti

Le tavole più performanti spiccano per ergonomia e qualità dei materiali di costruzione. Il corpo è quasi sempre in EPS, mentre il fondo è spesso realizzato in HDPE (Polietilene ad alta densità). In genere, hanno la punta piatta per affrontare onde più grandi e la coda a “mezzaluna”, che rende la tavola più agile e guidabile. A seconda dei modelli, le tavole professionali possono avere diverse caratteristiche, come scanalature o sagomatura del fondo che ne aumentano la portanza.

Infine, quando entrate in acqua, ricordatevi di non trascurare la sicurezza. Se siete all’inizio e non siete dei gran nuotatori, potrebbe esservi utile un giubbotto che aiuti il galleggiamento. Praticare il bodyboard in compagnia, invece, è sempre una buona idea per tutti. Principianti o no, con gli amici vicino è più divertente e sicuro.

Altri consigli:

199,00€
disponibile
6 new from 199,00€
Amazon.it
59,95€
disponibile
5 new from 49,95€
Amazon.it
14,65€
disponibile
5 new from 7,99€
Amazon.it
18,59€
disponibile
5 new from 16,90€
Amazon.it
Ultimo aggiornamento il 5 Agosto 2021 15:03
Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.