Allergie stagionali e uso delle mascherine, come gestirle?

raffreddore mascherina

L’utilizzo dei presidi di sicurezza si rivela un beneficio, in quanto riduce la quantità di allergeni che raggiungono le vie aeree. Ma bisogna sostituirli spesso per evitare problemi

L’aria di primavera comincia ad addolcire l’atmosfera, regalando anche un po’ di buon umore in tempi difficili. Ma non per tutti. In Italia soffre di allergie respiratorie da pollini e spore fungine circa il 30% della popolazione. Per loro, primavera vuol dire il ritorno di fastidiosi sintomi quali prurito, raffreddore, naso che cola e con l’aggiunta delle mascherine, obbligatorie per la protezione da Covid, tutto diventa più complicato. C’è però un lato positivo anche in questa circostanza: lo spiega la dottoressa Piera Fileccia, medico chirurgo, specialista in dermatologia e venereologia: “L’utilizzo delle mascherine si rivela, anche in relazione a questi disturbi, di notevole beneficio, in quanto riduce la quantità di allergeni che raggiungono le vie aeree: le particelle in questione, infatti, avendo le dimensioni di almeno 10 volte superiori a quelle del virus, vengono totalmente trattenute. I soggetti che soffrono da allergeni presenti in ambienti domestici (acari della polvere, pelo di gatto,..) dovrebbero indossarle pure indoor!”.
Un aspetto positivo, certamente, ma dal punto di vista pratico ci si trova, inevitabilmente per un soggetto allergico, a starnutire nelle mascherine. Quali effetti ha questa azione sulla pelle?
“Le goccioline (droplets) – spiega l’esperta – inumidendo il filtrante facciale, riducono il potere protettivo della mascherina, che deve essere sostituita ancora più frequentemente. Le goccioline ritenute aumentano il grado di umidità del microambiente che si crea tra il viso coperto e la mascherina, aggravando i segni che già compaiono per l’utilizzo solito del dispositivo, dalla secchezza al danno da pressione, alla dermatite da contatto, all’aggravamento della patologia in atto (in caso di acne, rosacea, dermatite seborroica, dermatite atopica..)”.

Cosa fare per evitare ulteriori problemi?  “Cambiare con cadenza rigorosamente quotidiana la mascherina (più frequentemente oltre le 2 ore di utilizzo continuativo). Qualora il cambio non fosse possibile utilizzare una garza sterile in tnt (tessuto non tessuto) da applicare sulla bocca, sotto la mascherina, come ulteriore protezione, barriera microporosa atraumatica, da rimuovere appena possibile”.

Per la protezione della pelle

Da tenere sempre a portata di mano e indossare sotto la mascherina, le garze sterili di tessuto non tessuto. Questa confezione della Gima contiene 100 buste da 25 pezzi, quadrati della misura di 10 x 10 cm. Utili anche per tutti gli utilizzi da pronto soccorso in caso di ferite.

Ultimo aggiornamento il 13 Aprile 2021 9:27

Indispensabili le mascherine chirurgiche, rigorosamente dispositivo medico CE, registrato al Ministero della Salute. Lo strato blu esterno è in materiale idrofobo, strato intermedio ad alta capacità di filtraggio e strato interno morbido, per una perfetta vestibilità. Queste della Tboc sono dotate di elastici e nasello regolabile, comodo e confortevole. La confezione contiene 50 pezzi.

Regina Skin è la nuova linea che punta a produrre fazzoletti di carta come veri e propri accessori di stile, eleganti e pratici, da usare in tutte le occasioni. I fazzoletti Regina Skin combinano l’utilizzo quotidiano con l’attenzione alla moda: ogni confezione contiene 6 pacchetti contraddistinti da grafiche diverse e di tendenza, caratterizzate da colori e forme fantasiose che ne sottolineano la forte impronta fashion.  I fazzoletti Regina Skin sono un prodotto 100% italiano, realizzato in pura cellulosa e composto da materie prime certificate provenienti da foreste gestite in modo responsabile e garantite dalla certificazione forestale FSC.

 

Per eliminare batteri, pollini e peli di animali domestici basta munirsi di un purificatore di aria, ovvero di un apparecchio in grado di rendere l’ambiente più sicuro: ecco alcuni suggerimenti in questo articolo.

Valuta anche:

 

Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la consulenza di esperti. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Consigli.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.